rotate-mobile

Gattinoni e i dubbi sul Pnrr: “I bandi preoccupano, c'è il rischio flop”

Il primo cittadino di Lecco solleva dubbi sulle scadenze del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Per tanti sembra essere la panacea di tanti, se non tutti, i mali. Ma intorno al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) c'è ancora da fare chiarezza: “Il rischio della progettazione a vuoto è reale e non vogliamo correrlo. Serve una programmazione dei bandi che via via usciranno”. A chiederlo è il sindaco di Lecco Mauro Gattinoni, impegnato a Milano con i suoi colleghi amministratori di centrosinistra per discutere della riforma della legge sanitaria lombarda.

“Oggi siamo in una fase di grande progettazione - spiega il primo cittadino - dobbiamo ripensare gli elementi salienti della nostra comunità come i trasporti, la scuola, la mobilità e le grandi infrastrutture”. Su questi temi, tutti i Comuni, specie i capoluoghi, “stanno portando avanti delle progettazioni, passatemi il termine, un po' a sbalzo - aggiunge il sindaco -, ancora c'è l'incognita su quali saranno gli elementi premianti previsti dai diversi bandi”. Gattinoni fa poi un esempio: “A metà ottobre è uscito un bando sul ciclo integrato dei rifiuti, importantissimo per l'economia 'green' - osserva -. Bene, le specifiche le abbiamo sapute con una tempistica talmente stretta per cui ci stiamo davvero ingolfando di progetti”.

“Ne parliamo a Parma”

Ed è proprio per risolvere problemi come questi che Gattinoni chiede una programmazione dei bandi: “Abbiamo bisogno di sapere quando uscirà quello sull'ambiente, o sulla mobilità o ancora sulle infrastrutture - prosegue -; solo così anche noi possiamo non solo presentare dei progetti, ma organizzarci per spendere i soldi”. Insomma, “questa è la vera sfida - continua Gattinoni -; se i fondi arrivano e noi non riusciamo a stare nei tempi imposti dal Pnrr allora li perdiamo e tornano in Europa. Sarebbe un'occasione persa”. Ad ogni modo, i sindaci si riuniranno in questi giorni a Parma per l'assemblea annuale di Anci: “Ad aprirla ci sarà Sergio Mattarella e a chiuderla Mario Draghi - chiude Gattinoni - immagino si parlerà tantissimo di Pnrr”.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Gattinoni e i dubbi sul Pnrr: “I bandi preoccupano, c'è il rischio flop”

LeccoToday è in caricamento