Record di buche e "rattoppi" sulla strada del Lavello: Lambrenedetto XVI ne conta ben 240

Già virale il video denuncia dell'olginatese Lambrughi, popolarissimo sul web: «Perchè non riasfaltarla tutta invece di così tante singole riparazioni in meno di due chilometri?»

 

Lorenzo Lambrughi, in arte Lambrenedetto XVI, torna all'attacco delle strade dissestate e pericolose nel territorio lecchese. E questa volta il suo ultimo video (già virale con oltre 18.000 visualizzazioni nel giro di solo un paio di giorni su Facebook) è stato girato a Calolziocorte. Nel mirino del celebre youtuber olginatese è finita in particolare la tratta di viale De Gasperi sul lungoAdda tra la frazione del Pascolo e il Lavello, piena di buche e soprattutto con un numero di "rattoppi" davvero impressionante: ben 240 riparazioni in meno di due chilometri.

«Uno, due, tre, quattro..... - inizia a contare inesorabile con il suo stile Lambrenedetto, fino a perdere il fiato, dopo essere partito dalla rotonda - Qui è tutto rovinato, è pieno di riparazioni.... 38, 39, 40, 41, 42, 43, 44 .... 62, 63, 64, 65... avremo fatto 500 metri e sono già tantissime, e sulla carreggiata opposta ce ne sono altre due». E' una sequenza continua, fino ad arrivare all'imbocco della famosa tangenzialina. Il noto youtuber, seguito con successo anche a livello nazionale, aveva di recente postato un altro video sulle tantissime buche presenti tra Airuno e Brivio, senza dimenticare la condanna, documentata a suon di immagini inequivocabili, nei confronti dei rifiuti abbandonati in maniera selvaggia lungo diverse strade della Lombardia.

Rifiuti selvaggi e strade a pezzi: i video denuncia di Lambrenedetto XVI virali sul web

Ora, dati alla mano, la critica ai rattoppi alla strada del Lavello, con Lambrughi che ha commentato così il filmato: «Lombardia: circa 240 rattoppi in meno di due chilometri. Ma non si faceva prima a riasfaltarla a nuovo e completamente questa tratta di strada?». Una domanda più che lecita che meriterebbe una risposta.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento