Bormio Livigno

Bormio, al via il progetto "Mi presti il tuo tempo?"

Dal 30 gennaio, nell’ambito del progetto "Io volontario per la cultura!", la biblioteca di Bormio attiverà il nuovo servizio "Mi presti il tuo tempo?".

Chi desidera può comunicare la propria disponibilità ad offrire un servizio (e quindi il proprio tempo) e, per contro, richiederne un secondo a proprio favore. L’attività svolta non deve essere in alcun modo retribuita in denaro; ciò che si “guadagna” fornendo un servizio viene quantificato in un credito di tempo nei confronti delle persone che partecipano all'iniziativa.

Attraverso il progetto "Mi presti il tuo tempo?" si intende far fronte a quei piccoli problemi pratici e quotidiani particolarmente sentiti da coloro che non possono contare su una rete familiare: fare compagnia ad una persona anziana, trovare qualcuno che accompagni il bambino ad atletica quando mamma e papà lavorano, poter contare su una persona che accudisca il cane se la famiglia si allontana per qualche giorno, aiutare il bambino a fare i compiti…

Questa banca del tempo è stata voluta dalla commissione sociale del comune di Bormio per andare incontro alle richieste dei cittadini, far crescere il senso di appartenenza alla comunità attraverso l'aiuto reciproco aiuto e far riscoprire i benefici derivanti dal semplice “dare e ricevere”. 

A questo servizio, su richiesta dell’utenza, si è pensato di affiancare anche "Più liberi, più vicini": questa iniziativa prevede che chi ha in casa oggetti in buono stato che non usa più ma che non intende buttare, può farlo presente al volontario che si occupa del progetto "Mi presti il tuo tempo?" a cui confluiranno anche eventuali richieste di oggetti.

A partire dal 30 gennaio, tutti i venerdì, dalle 16.00 alle 18.00, un volontario sarà presente in biblioteca per raccogliere le richieste di aiuto e le offerte di tempo o di oggetti da parte dei cittadini. La sua mansione comporterà esclusivamente il mettere in contatto le persone che richiedono un aiuto con coloro che possono fornirlo, senza entrare nelle specifiche collaborazioni che verranno gestite autonomamente dai soggetti coinvolti.

La biblioteca di Bormio vuole così assumere un ruolo più vicino alle persone, non essere più solo sede di studio e conoscenza ma anche punto di incontro; con "Mi presti il tuo tempo?" vuol diventare promotrice di una cittadinanza attiva e di una maggiore coesione tra persone, pur sempre nel rispetto delle diversità individuali e culturali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bormio, al via il progetto "Mi presti il tuo tempo?"

LeccoToday è in caricamento