menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Consiglio Regionale approva mozione per la gestione del Parco dello Stelvio

"Non possiamo permettere che la Lombardia sia completamente esclusa dalla gestione del Parco più importante del Paese"

Il consiglio regionale della Lombardia ha approvato all'unanimità una mozione bipartisan per la gestione del Parco Nazionale dello Stelvio che si estende per il 46% sul territorio lombardo nelle province di Sondrio e Brescia.

La riorganizzazione prevista dalla Legge 147 del 27 dicembre 2013 prevede la divisione del Parco in tre entità distinte e precisamente la Provincia Autonoma di Bolzano, la Provincia Autonoma di Trento e Regione Lombardia.

In base alla legge attualmente in vigore però Regione Lombardia non può sottoscrivere intese con lo Stato riguardanti la gestione del Parco. “Si tratta del 2,5 della superficie complessiva della Lombardia, 60 mila ettari su cui la Lombardia allo stato attuale  non ha praticamente voce in capitolo –ha detto Fabio Rolfi (Lega Nord)-. Non possiamo permettere che la Lombardia sia completamente esclusa dalla gestione del Parco più importante del Paese, senza dimenticare il fatto che l’amministrazione del Parco è completamente paralizzata dal 2010, anno in cui si riunì per l’ultima volta il consiglio direttivo”.

Nella mozione approvata dal Consiglio Regionale è stata inserita la proposta di sollecitare i parlamentari eletti in Lombardia affinchè assumano iniziative legislative miranti a modificare il comma 515 della legge 147/2013 al fine di consentire la sottoscrizione dell’intesa con lo Stato anche da Regione Lombardia, al pari delle Province autonome di Trento e di Bolzano.

Su questo argomento era intervenuto anche il Presidente Generale del CAI, Umberto Martini, che ha scritto una lettera al premier Matteo Renzi esprimendo preoccupazione per lo smembramento del Parco: "Un Parco Nazionale – ricorda Martini – voluto fin dai primi decenni del Novecento da CAI e Touring Club italiano, e istituito nel 1935″.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento