ValtellinaToday

L'amaro Braulio entra a far parte del gruppo Campari

Nuovo cambio di proprietà per uno dei simboli della Valtellina: il Braulio. L'amaro, era già passato dalla famiglia Peloni alla siciliana Averna, ed ora è entrato a far parte del gruppo "Campari" di Sesto San Giovanni.

Obiettivo della multinazionale milanese è quello di aumentare la quota di mercato nel settore dopo pasto sia in Europa, con un'attenzione particolare a Germania, Austria e Svizzera, che negli Stati Uniti.

Attualmente Braulio è al secondo posto fra i liquori più venduti in italia ed ha una quota di mercato pari al 15%. L'acquisizione da parte della Campari è valutata in modo positivo dagli esperti.

Per gli estimatori del gusto unico del Braulio la speranza è che la nuova proprietà non influenzi la qualità del prodotto ottenuto secondo l'antica e segreta ricetta che prevede una lunga macerazione in botti di rovere delle erba alpine raccolte in alta quota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Lombardia in zona gialla? «Nel Lecchese interessati circa 1.400 esercizi commerciali»

  • Coronavirus, il punto: calo drastico tra i contagiati nel Lecchese (+53) e i ricoverati negli ospedali

  • Uomo cade da scala, giovane si lesiona due dita: soccorritori in azione

  • Giovani travolti da una piccola slavina sul Legnone: ora rischiano una multa salatissima

Torna su
LeccoToday è in caricamento