menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Valfurva, una conferenza per imparare, "Passo dopo Passo", a conoscere il lupo

Il recente ritorno del predatore sulle Alpi centrali viene salutato dal Parco dello Stelvio

Il lupo, un tempo una presenza costante e temuta sulle nostre montagne, nell'ultimo secolo è andato via via sparendo da tutta la catena alpina.

Negli anni recenti si è visto via via un ritorno graduale del fiero animale nei luoghi in cui un tempo abbondava, l'ultimo avvistamento lo scorso inverno in Val Bighera. Questo ritorno alle origini è un fenomeno sparso e irregolare, dovuto probabilmente a individui giovani che si sono dovuti lasciare alle spalle i branchi a cui appartenevano per cercare fortuna altrove.

Questi nuovi arrivi corrono il rischio di allarmare tutti coloro che, per le loro attività legate all'allevamento o alla pastorizia, hanno ragione di temere la comparsa di una predatore nelle regioni in cui operano; è necessaria dunque un'opera di informazione estesa a tutti volta a sfatare i miti passati su di un animale di cui, in realtà, non si sa ancora abbastanza.

In quest'ottica il Parco Nazionale dello Stelvio ha aderito all'iniziativa Life WolfAlps, che si propone come obiettivo a lungo termine di aumentare e proteggere la popolazione dei lupi sulle Alpi. Per portare avanti un progetto del genere, oltre allo sforzo pratico a contatto con gli animali, è richiesta una costante opera di divulgazione che sensibilizzi la popolazione. 

Si inserisce in quest'ambito la conferenza di Massimo Favaron "Passo dopo Passo: il ritorno del Lupo sulle Alpi centrali", che rappresenta un importante appuntamento da non perdere, giovedì 20 agosto presso il Centro visitatori del Parco Nazionale dello Stelvio in piazza Forba 4 di S. Antonio Valfurva.

Il via al meeting sarà alle 21.00, ingresso libero e gratuito.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento