menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jonny Crosio

Jonny Crosio

Multe agli autotrasportatori, Crosio: "Mandatele a Della Vedova e Del Barba"

La questione continua a sollevare polemiche. Per il senatore valtellinese si è atteso troppo senza trovare una soluzione

Multe agli autotrasportatori per i serbatoi, una questione che in Valtellina torna ad accendersi. A risollevare il polverone della polemica è il senatore Jonny Crosio. «Alla fine di febbraio le rassicurazioni di Della Vedova e Del Barba, senatori valtellinesi della maggioranza, sulla soluzione al problema entro una settimana, poi il silenzio, fino all’arrivo, pochi giorni fa, degli avvisi di pagamento agli autotrasportatori - sottolinea il politico valtellinese - Le multe andrebbero invece mandate a Della Vedova e Del Barba che hanno illuso onesti lavoratori per poi dimenticarsi di loro: facile fare annunci, rassicurare che tutto è risolto e poi scomparire, Renzi è un maestro in quest’arte e i suoi lo imitano benissimo».

Così il senatore della Lega Nord Jonny Crosio che, ad aprile, scaduto da un mese il termine indicato da Della Vedova e Del Barba, si era rivolto a loro pubblicamente chiedendo spiegazioni, ritenendo scorretto e irresponsabile illudere lavoratori onesti vittime della burocrazia. Crosio, da esponente della minoranza in Parlamento, ha seguito la questione, in stretto contatto con gli autotrasportatori valtellinesi, presentando due interrogazioni, la prima nel luglio dell’anno scorso, la seconda a gennaio, e un ordine del giorno approvato all’unanimità in commissione Lavori pubblici e Ambiente in seduta congiunta, a novembre.

«Come gli autotrasportatori, mi ero sentito rassicurato dalle parole di Della Vedova e Del Barba, la questione pareva davvero risolta, invece il loro proclama di fine febbraio si è rivelato vuoto - continua il senatore Crosio -, ma non si può giocare con la vita delle persone perché dietro le aziende dell’autotrasporto, perlopiù di piccolissime dimensioni, ci sono famiglie messe sul lastrico da queste multe. In più occasioni ho chiesto spiegazioni senza ricevere risposta e ora la brutta sorpresa. Sono lavoratori onesti, non contrabbandieri, hanno fatto il pieno a Livigno e ottemperato a tutte le disposizioni di legge, senza omettere nulla, purtroppo in Italia la burocrazia è contro di loro».

Il senatore Crosio ha ricevuto le telefonate allarmate di molti autotrasportatori: si sentono soli in questa battaglia, impotenti di fronte alla burocrazia. «Oltre allo spettro di sanzioni per centinaia di migliaia di euro, allo scoramento, c’è la delusione per essere stati lasciati soli - conclude il senatore leghista - dallo Stato e, ancora di più, dalle associazioni di categoria che dovrebbero tutelarli. E ora si aggiunge la presa in giro, perché questo è, di Della Vedova e Del Barba che hanno il dovere di intervenire, senza perdere altro tempo. Da parte mia continuerò a incalzare il Governo, come sto facendo da quasi un anno a questa parte, affinché risolva la questione»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento