menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I profughi all'opera in Valtellina, si lavora per l'integrazione

Attività di volontariato per i profughi ospitati a Sondalo e Bormio

I profughi ospitati a Sondalo, grazie ad un accordo tra Comune, Apt locale e Prefettura di Sondrio, da alcuni mesi hanno iniziato a svolgere attività di volontariato per la comunità. Diversi sono stati gli interventi realizzati; l'ultimo alla scuola elementare dove hanno tinteggiato le ringhiere dell'edificio.

L'auspicio è che queste attività possano migliorare non solo la presenza dei profughi, rendendola così più decorosa, ha spiegato il sindaco Luigi Grassi a Il Giorno, ma anche favorirne l'integrazione in un'ottica di reciprocità, per loro e per i cittadini.

Per ora la possibilità di compiere lavori socialmente utili è data a 18 ospiti della struttura accreditata Belvedere, ma l'obiettivo è di coinvolgere anche alcuni dei 60 ospiti dell'Albergo Stelvio di Le Prese. Proseguono, per tutti, i corsi di italiano tenuti da alcuni intermediari culturali, tutti volontari.

Anche a Bormio si cerca di favorire l'integrazione con corsi di lingua e attività di volontariato. Il consigliere Giovanna Zangrado spera che questa situazione possa essere un'opportunità delle istituzioni e dei singoli per restituire alle nuove generazioni il senso dell'intrinseca umana uniformità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento