menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"La montagna non ne può più" le parole di Della Bitta in Parlamento

Il presidente della provincia di Sondrio, accompagnato da alcuni sindaci, oggi, lunedì 12 gennaio, a Roma presso la Camera dei Deputati per partecipare all'incontro dal titolo "In ascolto del disagio montano. I parlamentari si confrontano con i sindaci dei comuni montani".

Oltre a ribadire il forte attaccamento alla nostra terra e l’orgoglio di appartenervi, noi chiediamo per l’ultima volta che lo Stato ci dia dei segnali concreti per provare a sentirci, seppur in maniera minima almeno iniziale, ancora orgogliosamente italiani”. Con queste parole, il presidente della Provincia, Luca Della Bitta, ha chiuso il proprio intervento di fronte ai parlamentari e agli amministratori che oggi hanno preso parte presso la Camera dei Deputati, nella “Nuova aula dei gruppi parlamentari”, all’incontro dal titolo “In ascolto del disagio montano. I parlamentari si confrontano con i sindaci dei comuni montani”.

“La montagna davvero non ne può più – ha iniziato Della Bitta – e chiede di riconoscere quella che può sembrare un’ovvietà, ovvero che erogare servizi in montagna è diverso, è più difficoltoso, è più costoso. Tutto ciò – ha proseguito – si deve tradurre da parte dello Stato Centrale in risposte concrete che evidenzino questa unicità una volta per tutte. Le scuole, la sanità, la manutenzione delle strade e del territorio, tutti i servizi insomma, hanno la necessità di risorse adeguate, diverse da quelle che servono per amministrare altri territori. Se  vogliamo che la montagna continui a vivere grazie alla gente che qui investe e lavora chi governa deve fare una seria riflessione, ma la deve fare in fretta.”.

Il presidente Della Bitta ha proseguito, affrontando il tema relativo alle funzioni “Nel momento in cui lo Stato affida nuovamente delle funzioni alle Province, come stabilito dalla Costituzione, è necessario che ci diano anche le risorse per poterle attuare. I territori di montagna però – ha sottolineato Della Bitta – ancora prima del trasferimento delle risorse da parte dello Stato Centrale, chiede di poter gestire le proprie di risorse. A tale proposito non ci piace che nella riforma costituzionale il tema dell’energia e delle acque torni ad essere di competenza dello Stato. Se lo Stato davvero riconosce la specificità della montagna, allora che investa queste terre di una grande responsabilità e lasci loro la gestione, con le risorse collegate, di energia e acque”.

E' stata una lunga e intesa rassegna quella di Della Bitta su ciò che non funziona e che mette in ginocchio tutte quelle amministrazioni virtuose che, nel rispetto delle leggi, hanno comunque e sempre garantito la cura del proprio territorio. “Mi riferisco – ha spiegato Della Bitta – ai soldi e di conseguenza alle opere pubbliche bloccate dal Patto di Stabilità che bene non fa in questo momento né al mantenimento del territorio né all’economia locale”.

Ultimo capitolo affrontato dal presidente della provincia è stato quello relativo alle gestioni associate dei servizi. “La montagna – ha spiegato – deve trovare forme di associazione e di collaborazione, ma i contenuti di queste unioni devono essere stabilite dai territori stessi. Oggi, pesantissimi tagli lineari, ci fanno pensare che il nostro essere specifici in quanto territori interamente montani è qualcosa di non vero, è una presa in giro come ci dicono i nostri cittadini. Vogliamo pensare che non sia così, per questo oggi siamo qui per proporre una soluzione per un serio e sereno invito all’ascolto – ha concluso Della Bitta – ma questa è davvero l’ultima chiamata che la montagna fa allo Stato Nazionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento