menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciclista investito a Regoledo, albanese si dà alla fuga: arrestato

È il primo caso in Valtellina di arresto dopo l'introduzione dei nuovi reati di omicidio stradale e lesioni personali stradali

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sondrio hanno arrestato nel primo pomeriggio di ieri, martedì 28 giugno, un cittadino italiano, di origine albanese.

H.L., 27 enne residente in Bassa Valle, è accusato di lesioni personali gravissime e omissione di soccorso,  infatti, dopo aver investito un ciclista 75enne, si è dato alla fuga senza prestare soccorso.

Secondo una prima ricostruzione dei  Carabinieri l’uomo, intorno alle ore 8,15 di martedì 28 giugno, mentre percorreva a bordo di uno scooter CC 125 la Statale 38, avrebbe urtato la bicicletta condotta da un 75enne di Cosio Valtellino.

Il ciclista è in prognosi riservata. Entrambi sarebbero caduti al suolo, ma ad avere la peggio il ciclista che, dopo i primi soccorsi sul posto, è stato trasportato d'urgenza presso l’ospedale  di Gravedona, dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico al capo e dove è ancora ricoverato in prognosi riservata.

Si è recato al lavoro come se niente fosse. Per evitare di essere identificato, dopo l’incidente, l'uomo ha abbandonato il motociclo nei pressi della stazione ferroviaria di Cosio V.no, e ha raggiunto il posto di lavoro con il treno.  Dopo circa due ore però è stato rintracciato dai Carabinieri presso il suo posto di lavoro a Berbenno.

Senza patente, nè assicurazione. Dopo ulteriori accertamenti è stato appurato che l’uomo guidava lo scooter nonostante non avesse mai conseguito la patente di guida e  fosse privo di copertura assicurativa.

Arrestato. Ricorrendo gli elementi previsti dalla recente normativa sull’omicidio e le lesioni stradali e le aggravanti sopra indicate, l’uomo è stato arrestato e su disposizione del P.M. sottoposto agli arresti domiciliari.

È il primo caso in Valtellina di arresto dopo l’introduzione dei nuovi reati previsti dalla L. 23 marzo 2016, nr. 41.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento