menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Dubino la manifestazione in difesa delle acque di Valtellina e Valchiavenna

L'iniziativa "Giù le mani dalle nostre acque!" è promossa dal senatore Jonny Crosio

Una manifestazione per rendere pubblico il dissenso di Valtellina e Valchiavenna rispetto al progetto del Governo di accentrare nelle mani dello Stato la gestione di centrali idroelettriche e dighe: è questo "Giù le mani dalle nostre acque!", iniziativa promossa dal senatore Jonny Crosio, in programma sabato 7 novembre nei pressi della centrale idroelettrica di Monastero (Dubino), alle ore 11.

Quanto si prospetta sarebbe per la Provincia di Sondrio davvero drammatico: le verrebbe, infatti, sottratto un patrimonio che le appartiene di diritto e, con questo, perderebbe gli indennizzi che le aziende pagano per l'utilizzo delle acque.

"Il disegno di legge per la Riforma costituzionale che sta completando il suo iter parlamentare, i recenti provvedimenti del Governo Renzi e, più in generale, la politica centralista che pregiudica la sopravvivenza dei territori, suscitano grande preoccupazione per il destino di una terra periferisca qual è la nostra che, invece di essere valorizzata e tutelata per le sue peculiarità, viene fortemente penalizzata", scrive, nella lettera di invito agli altri sindaci della Provincia, il senatore Crosio.

"Sono convinto che in questo momento sia importante far giungere a Roma la voce del territorio, dei suoi amministratori pubblici e dei suoi operatori, affinchè sia chiaro che questa provincia non si arrenderà mai", precisa Crosio, "Non possiamo permetterci di perdere finanziamenti, uffici periferici dello Stato, sostegno e tutele, significherebbe essere ancora più soli, ancora più isolati. Non possiamo accettare che le decisioni su dighe, centrali, utilizzo dell'acqua per scopi idroelettrici vengano prese a Roma, vorrebbe dire perdere il controllo su ciò che abbiamo di più prezioso".

I partecipanti alla manifestazione di sabato potranno firmare un documento che sintetizza la volontà della Provincia di Sondrio di difendere le proprie acque, che sarà poi consegnato dal senatore Crosio alla presidenza del Consiglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento