menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pendolari intossicati sul treno Lecco-Sondrio

Trenord minimizza

Brutta esperienza ieri per i pendolari che viaggiavano sul treno che da Lecco era diretto a Sondrio. Mentre il treno era fermo alla stazione di Piona, una nube di gas ha invaso una carrozza impedendo ai passeggeri di respirare.

Cosa sia successo, non si sa. Una delle pendolari racconta di essere salita a Dervio con un'altra persona e a Piona, mentre il treno era fermo in attesa dello scambio "all’improvviso la nube di gas ci stringe la gola, assale tutti e cominciamo a tossire. – continua la donna – Ci precipitiamo verso la porta. Il macchinista e la capotreno arrivano a vedere e sentono anche loro il gas che brucia la gola. La capotreno, bravissima, entra ed apre tutti i finestrini della carrozza, tossisce anche lei e le scendono lacrime. Io ed un’altra persona ci tappiamo la bocca e saliamo a recuperare le borse e ciò che avevamo lasciato sul treno".

La carrozza viene chiusa ed i passeggeri spostati in altre carrozze: "Vedranno i capi, ci dicono, e intanto a me viene un po’ di nausea. Il riscaldamento viene bloccato. – dice la pendolare e continua - Ma si può andare al lavoro e rischiare di restare intossicati? Pagando quasi due ore di lavoro per fare la tratta Lecco-Sondrio?».

Trenord minimizza ed esclude che il problema sia dovuto al riscaldamento, perché è un impianto a ventilazione, sottolineano che il convoglio è arrivato puntuale a destinazione nonostante un temporaneo guasto ai freni.

Magari è stato il guasto ai freni a causare la nube, ma non si hanno confeme perché, fortunatamente, nessun passeggero ha dovuto ricorrere a cure mediche.

 "Io sono scesa a Sondrio. – concludela pendolare – La capotreno è stata male anche lei.Una signora più anziana ha iniziato a tossire ed ho dovuto trascinarla io fino alla porta perché non riusciva a camminare. A Sondrio qualcuno è salito a controllare, però non sappiamo nulla».

Visto che è Carnevale c'è chi ha ipotizzato che potrebbe essere l’effetto di qualche fialetta buttata dentro per scherzo da qualche ragazzotto che era sull’altro treno, ma non è possibile perché i finestrini della carrozza erano tutti chiusi.

Ma per fortuna tutto si è risolto senza gravi problemi per le persone coinvolte che, una volta lasciato il vagone, hanno ricominciato a respirare.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecco usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento