menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Delebio (foto delebio.org)

Delebio (foto delebio.org)

Primavera Fai, alla scoperta di Delebio

Tante le iniziative previste per il piccolo Comune valtellinese per sabato 21 e domenica 22 marzo

Tornano anche per quest'anno, come ormai da tradizione, le attesissime Giornate Fai in provincia di Sondrio. Un appuntamento apprezzato a livello nazionale, che puntualmente si ripresenta con l'arrivo della primavera, per invitare i comuni cittadini a riscoprire le bellezze del territorio in cui vivono. In Valtellina l'evento si svolgerà sabato 21 e domenica 22 marzo, grazie all'impegno della delegazione sondriese del Fai. Per l'occasione, occhi puntati su Delebio.

Tre i fili conduttori dell'iniziativa; innanzitutto il tema "Arte sacra", con la visita alla chiesa parrocchiale di San Carpoforo e l'oratorio di San Giuseppe, l'oratorio di San Gerolamo, la chiesa di Santa Domenica e la rotonda del cimitero. Il secondo tema è invece "Arte e nobiltà", dove il visitatore sarà accompagnato alla scoperta dell'ex palazzo Bassi, ora Gusmeroli-Fumagalli (solo per gli iscritti al Fai), il giardino e la corte di palazzo Peregalli e la bottega artistica di Abram. Infine, per il filone "Cultura contadina", sarà possibile visitare i "culundéi", lavatoi e roggia, il mulino Mozza e la Latteria sociale. Gli orari per le visite saranno dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Tanti infine gli appuntamenti collaterali alle visite guidate. Si parte sabato 21, alle ore 21 con il concerto del coro gospel "Happy Corus” nella Chiesa di San Carpoforo e si prosegue, domenica 22 marzo alle 15.30, con l’illustrazione dei restauri compiuti alla chiesa San Carpoforo. In entrambe le giornate sarà possibile ammirare la mostra fotografica di Amedeo Folladori presso l’oratorio Giovanni Paolo II, quella dell’artista Abram nella chiesa di Santa Domenica, nonchè l’esposizione di acquerelli dal titolo “Nature esili” di Elena Milani lungo il percorso dei culundéi, mentre le opere di Sergio Fistolera saranno esposte lungo i percorsi di visita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento