ValtellinaToday

Variante di Morbegno, Borromini: "La Lega non lancia allarmi solo per il gusto di farlo"

Prosegue il dibattito sul presunto taglio ai fondi per la nuova Statale 38

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Parlare alla gente, dire chiaramente come stanno le cose, questo è il nostro primo obiettivo, sempre. L'abbiamo fatto anche per la tangenziale di Morbegno, perchè è giusto che si sappia che ci sono stati tolti 4 milioni di euro, a fronte di tutti quelli che il nostro territorio ha garantito per la realizzazione dell'opera.

Il senatore Della Vedova assicura che l'opera verrà completata? Bene! Era proprio quello che volevamo sentire, ma questo non spiega il motivo per il quale il Governo, senza consultare nè informare uno dei principali finanziatori, la provincia di Sondrio, ha tolto 4 milioni di euro alla tangenziale di Morbegno per destinarli a chissà cosa. Un'altra marchetta? Probabile, la legge di stabilità ne è piena, anche questo deve sapere la gente. La prossima volta quanti saranno? Useranno anche i ribassi d'asta destinati alla tangenziale di Tirano? Della Vedova può garantire che non succederà più?

La Lega Nord non lancia allarmi solo per il gusto di farlo, la viabilità è al primo posto fra i nostri interessi, la madre di tutte le battaglie. primo perchè il nostro territorio merita una rete viaria moderna e sicura, secondo perchè da dieci anni lavoriamo per questo. Chissà dov'era Della Vedova nel 2004 quando con l'amministrazione Provera iniziava la nostra battaglia, probabilmente impegnato a conquistarsi un posto al sole passando, con grande abilità, da un partito all'altro. Dov'era quando nel gennaio del 2005 i sindaci di Valtellina e Valchiavenna protestavano a Delebio? Quando Provera consegnava all'allora presidente del Consiglio Berlusconi il documento per chiedere l'impegno del Governo? Non ci ricordiamo di lui nelle battaglie ai ministeri per ottenere i visti necessari, in aula per racimolare i soldi per finanziare il primo tratto della nuova statale 38. Ha fatto tutto la Lega con i suoi uomini impegnati in valle, a Milano e a Roma, per dieci lunghi anni. Lui è sempre stato nella capitale, da noi si vede poco, i suoi interessi sono altrove ed è stato bravissimo a lavorare per sè, considerato che è riuscito a farsi candidare dai Radicali, dai partiti del centrodestra e da Scelta Civica, sempre pronto a scendere da un carro per salire sull'altro senza mai fare gli interessi del suo territorio.

Anche l'altro senatore Del Barba è molto impegnato in Parlamento ma per obbedire a Renzi per guadagnarsi una nuova candidatura. Non vuole usare la parola 'balle'? Noi la usiamo perchè ciò che ha raccontato agli autotrasportatori solo con questo termine si può definire. Prima di accusare la Lega pensi a risolvere la loro situazione come aveva promesso mesi orsono, magari parli con chi ha ricevuto le cartelle esattoriali e non dorme la notte per il timore di veder fallire la sua azienda. Se il suo rapporto con Renzi è così stretto gli chieda i soldi che ancora mancano per Tirano invece di prenderli dal territorio. Che non si pensi di usare la provincia di Sondrio come un bancomat!

Non abbiamo bisogno di cattivi maestri, non ne ha bisogno la gente di Valtellina e Valchiavenna che merita rappresentanti impegnati a Roma a tutelare i suoi interessi, prima di tutto. La Lega Nord lo fa, per questo ci siamo sentiti in dovere di lanciare l'allarme. Lo faremo tutte le volte che il Governo e i suoi esponenti vorrano far passare i valtellinesi e i valchiavennaschi da imbecilli.

Christian Borromini, segretario provinciale della Lega Nord

I più letti
Torna su
LeccoToday è in caricamento