menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viticoltura in Bassa Valtellina: è record, richieste settemila barbatelle

Borromini: "C'è grande entusiasmo tra gli operatori, molta voglia di fare"

Le motivazioni che hanno spinto la Comunità Montana di Morbegno a varare specifici programmi di assistenza ai viticoltori e ad agevolare l'acquisto di barbatelle sono molte, ad esempio e non da ultima, il rispetto di una tradizione secolare.

Il bilancio positivo del 2015 ha portato fortuna. Il primo dato relativo al 2016 è infatti più che incoraggiante: la richiesta di vitigni selezionati della varietà Nebbiolo Chiavennasca, offerti dall'ente comprensoriale a prezzo agevolato, è aumentata di quasi il 15%, ovvero 7mila viti, per un trend positivo che sembra quindi non arrestarsi.

«C'è grande entusiasmo tra i viticoltori, molta voglia di fare e noi come Comunità Montana cerchiamo di assisterli e di aiutarli nel miglior modo possibile - spiega il presidente Borromini - sono convinto che il settore abbia ampi margini di crescita in Bassa Valtellina e l'aumento delle barbatelle che serviranno per reimpianti o per nuove vigne lo conferma».

«L'altro dato importante riguarda il miglioramento costante della qualità dei vini prodotti, risultato delle competenze acquisite dagli operatori e dell'assistenza tecnica della Fonazione Fojanini. Voglio inoltre sottolineare il ruolo delle cooperative che si sono costituite - conclude Borromini - sia per i servizi che mettono a disposizione sia per l'impulso che danno al settore».

La collaborazione tra la CM, la Fondazione Fojanini e le cooperative si è rivelata fruttuosa. A inizio febbraio si sono svolte due lezioni di potatura e altri incontro verranno organizzati, nei prossimi mesi, in concomitanza con le fasi cruciali dell'annata agricola.

L'ormai prossima primavera sarà piuttosto intensa per gli operatori, in vigna e in cantina, e culminerà con "Vin in Festa", la manifestazione itinerante dedicata ai prodotti della Bassa Valtellina in programma il 28 maggio a Cino. Un'occasione per fare il punto della situazione, ma anche per assaggiare e premiare i vini migliori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento