menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I premiati e la commissione esaminatrice

I premiati e la commissione esaminatrice

Il BIM premia 10 universitari valtellinesi

Nell'occasione si è svolta anche la premiazione del torneo BIM

Nella giornata di martedì 24 maggio 2016, il Bim Adda ha effettuato la consegna ufficiale delle borse di studio per tesi di laurea che contribuiscono a migliorare la conoscenza della Valtellina e Valchiavenna, del territorio e delle sue caratteristiche, delle acque e dell’energia, relative all’anno accademico 2014/2015.

La Commissione esaminatrice era composta da Fernando Baruffi, vicepresidente Bim, Cesare Pedranzini, direttore, Alberto Gerola, tecnico, e Micaela Tralli, responsabile Bim. In totale sono state concesse 5 borse di studio da 1.250 euro per 5 tesi triennali e 5 borse da 1.750 euro per 5 tesi magistrali, per un totale di 15.000 euro. Questi i ragazzi premiati per la triennale: Silvia Angelini di Morbegno per la tesi “L’alluvione in Valtellina sulle pagine della stampa”, Vera Capelli di Samolaco per “Dall’alpeggio al caseificio: confronto tra diverse realtà zootecniche di montagna in Valtellina e Valchiavenna”, Matteo Compagnoni di Bormio per “Analisi statistica dell’affluenza turistica in Alta Valle nel triennio 2012-2014”, Anna Rocca di Valdidentro per “La provincia di Sondrio alla metà dell’ottocento nello studio economico-politico di Stefano Jacini” e Andrea Terzaghi di Sondalo per “Verso un nuovo patto imprese-territorio per l’idroelettrico in Valtellina”. Per la magistrale: Nicola Bergomi di Lanzada per “Analisi dell’allevamento dei bovini da latte in Valmalenco e caratterizzazione qualitativa di una produzione casearia”, Alessia Compagnoni di Valfurva per “Storytelling e social network per promuovere le aree protette: un piano di social media marketing per il Parco dello Stelvio”, Stefano Portovenero di Tirano per “Forme di governance collettiva per lo sviluppo dei territori montani, il caso dell’associazione fondiaria di Franciscio”, Elena Rossatti di Poggi per “Analisi economica di un campione di aziende di bovine da latte in provincia di Sondrio” e Alessandro Ruffoni di Ardenno per “Forte Canali-Sertoli di Tirano, da baluardo difensivo a polo culturale”.

Nell’occasione si è svolta anche la premiazione del Trofeo Bim, ovvero il frutto della collaborazione con l’Ufficio scolastico territoriale coordinamento per l’educazione motoria, fisica e sportiva di Sondrio nell’organizzazione di un premio annuale destinato alle prime cinque istituzioni scolastiche (rispettivamente di primo e secondo grado) che si sono distinte per i risultati ottenuti nei Giochi Sportivi Studenteschi, per un totale di 10.000 euro. Per il primo grado ha vinto l’Istituto comprensivo Garibaldi di Chiavenna, davanti ad Anzi di Bormio, Chiavenna (Bertacchi), Paesi Orobici e Livigno. Per il secondo grado il Mattei di Sondrio davanti ad Alberti Bormio, Pinchetti Tirano, Da Vinci Chiavenna e Piazzi Sondrio. «Premiare gli studenti – ha detto il presidente del Bim Carla Cioccarelli che ha premiato insieme al suo vice Fernando Baruffi – è sempre una grande gioia perchè siamo orgogliosi di loro e di quello che potranno dare alla nostra splendida terra. Siamo montanari, fieri di esserlo, e delle tesi di laurea che parlano della nostra realtà non possono che darle ulteriore lustro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento