Venerdì, 14 Maggio 2021
Sondrio

Poste, Crosio presenta una mozione in Senato

Il parlamentare valtellinese preoccupato per le riforme del governo Renzi: «Penalizzano i cittadini»

Le riforme della banche e delle Poste ad opera del governo Renzi non convincono per nulla Jonny Crosio. Il parlamentare valtellinese non usa mezzi termini: il premier starebbe fortemente penalizzando i cittadini, prima con «l’attacco alle banche popolari, che rappresentano un presidio importante nei territori periferici come il nostro», commenta, poi con le Poste, «che svolgono un servizio fondamentale, in particolare per le fasce più deboli della popolazione».

Crosio ha dunque presentato in Senato una mozione - sua la prima firma - per opporsi al piano di riorganizzazione e razionalizzazione di Poste italiane, chiedendo al Governo di valutare le conseguenze del provvedimento e rinviarne l'esecuzione, attualmente fissata al 13 aprile.

«Siamo molto preoccupati per gli effetti che il piano di Poste Italiane avrà sul territorio – prosegue il senatore Crosio - soprattutto se penso alla nostra realtà provinciale. Gli anziani che vivono nei piccoli paesi senza avere la possibilità di spostarsi, ad esempio, verrebbero privati di un servizio importante dovendone subire i disagi. È inaccettabile che queste decisioni vengano assunte senza considerare gli interessi dei cittadini bensì su base unilaterale considerando basandosi sulla logica dei numeri. Nei dati non c’è la vita vera, non ci sono le persone: questo noi contestiamo». Il timore del parlamentare è che, dopo la chiusura delle Poste, si passerà al ridimensionamento degli sportelli bancari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste, Crosio presenta una mozione in Senato

LeccoToday è in caricamento