menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi in Valtellina, annunciato l'arrivo di altri 70 migranti

Il senatore leghista Crosio: «Ora ne arrivano 70. E la settimana prossima, il mese prossimo? Saranno sempre di più, dobbiamo dire basta»

Una ripartizione equa tra tutte le province d'Italia, con il trasferimento di 70 migranti per ciascuna, senza alcuna distinzione, in modo da non gravare solamente su Regioni e Comuni. Ecco quanto riportato nel comunicato urgente diramato dal Viminale per fare fronte ad una situazione di emergenza che, con gli sbarchi di questi giorni, si è ulteriormente aggravata. Dunque anche la provincia di Sondrio dovrà accogliere altre 70 persone.  

Dopo l'annuncio del Viminale la reazione della Lega Nord non ha tardato ad arrivare per bocca del senatore leghista Jonny Crosio.

«Ci preoccupiamo di altri 70, che si andranno ad aggiungere ai 600 che già ospitiamo in valle, senza pensare che, con la stagione estiva alle porte, gli sbarchi aumenteranno giorno dopo giorno per un problema serio che diventa vera e propria emergenza. Questa è la situazione che Renzi ha dimostrato di non essere in grado di gestire: accoglie, noi però, non lui, e li mantiene con i nostri soldi. Un dramma umano, perché è straziante assistere a queste tragedie, che l’Europa non intende risolvere. L’Unione europea non vuole dare risposte e lascia che sia l’Italia a gestire in proprio la questione: siamo troppo deboli politicamente, questa è la verità».

 «Questo è il problema vero - continua il senatore Crosio -, un business di tali dimensioni che, soltanto in Valtellina frutta un milione di euro all’anno, fa gola a tanti imprenditori, ma i problemi di integrazione di persone di cui non sappiamo nulla, per la stragrande maggioranza clandestini non profughi che fuggono dalla guerra, ricadono sui sindaci e sui cittadini. Come Lega Nord ascoltiamo le loro proteste legittime, le facciamo nostre e ci stiamo battendo in Parlamento affinché il Governo le ascolti e, finalmente, si metta dalla loro parte, anziché stare con i profughi. La situazione è diventata ormai insostenibile, solo Renzi sembra non accorgersene».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento