menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Falso Carabiniere truffa anziani, i consigli dell'Arma

Come difendere se stessi, i propri cari e i propri averi

Di recente sembra che in Provincia di Sondrio circoli un falso Carabiniere che, forte del suo carisma, circuisce gli anziani per farsi consegnare denaro.

Quattro gli episodi più recenti, accaduti in Alta valle nel mese di agosto, due tentate truffe e due invece riuscite.

L'uomo, una persona dall'aspetto distinto e dai modi gentili, si qualificava presso le vittime, persone anziane, come un Carabiniere e richiedeva di passare al vaglio i soldi conservati in casa per verificarne la supposta falsità. Ricevuto il denaro, il truffatore si allontanava poi velocemente in moto.

Il Maggiore dei Carabinieri di Sondrio, Pier Enrico Burri, esprime le preoccupazioni del Comando di pertinenza e offre alcune indicazioni e suggerimenti utili per evitare il ripetersi di queste truffe, che ledono l'immagine del corpo dell'Arma oltre a incrinare la fiducia degli anziani nelle istituzioni.

Innanzitutto, nessun Carabiniere in borghese chiede mai soldi perchè sospetta che siano falsi. Diffidare dunque di qualunque persona, anche se esibisce falsi decreti di perquisizione o sequestro, se non è accompagnata da agenti in uniforme. In ogni caso, la minaccia di una telefonata al 112 per appurare la validità dell'operato vedrà il malvivente allontanarsi con una scusa.

In secondo luogo, è bene non fidarsi delle apparenze. I criminali che usano questi trucchi sono gente del mestiere, che colpisce ripetutamente, e sono perciò allenati ad essere gentili nei toni ed eleganti nel vestire, così da carpire velocemente la fiducia dell'interlocutore. La richiesta della tessera di riconoscimento è d'obbligo per ogni persona si comporti in maniera sospetta, per procedere all'identificazione.

Infine, si sconsiglia di tenere grosse somme di denaro in casa. Nel caso un ufficiale faccia richiesta di accompagnarvi in banca,  siete senza dubbio in presenza di un truffatore: se non volete smascherarlo direttamente, una volta presso l'istituto di deposito avvertite il cassiere o il direttore della filiale, così da portare all'arresto del falso agente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento