menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il super franco svizzero manda in crisi le segherie valtellinesi

La rivalutazione del franco svizzero sull'euro si ripercuote in modo negativo sulle segherie della Valtellina che hanno visto lievitare i costi del legname del 20%. Della situazione si è discusso lunedì 19 gennaio presso la camera di commercio di Sondrio dove si è tenuta la riunione delle segherie aderenti al Consorzio Segherie Alta Lombardia.

La quantità di legname che le segherie della Valtellina acquistano dalla vicina Svizzera è pari a 133.000 mc annui (dati del 2014) su un totale di 190.000 mc di fabbisogno totale. La situazione suscita grande preoccupazione per un settore rappresentato da 22 aziende che offrono lavoro a 250 persone e producono circa 130.000 mc pari al 13/15% del totale nazionale. Le segherie contribuiscono inoltre alla produzione di energia e attorno a loto si genera un notevole indotto come quello del settore dell'autotrasporto.

Durante la riunione si è discusso della situazione ed è emersa la necessità di utilizzare una risorsa importante, il legname locale, quello presente nei boschi della Valtellina e che attualmente contribuisce per circa 50.000 mc annui al fabbisogno delle segherie della provincia. A questo proposito il prossimo lunedì, 26 gennaio, si terrà una nuova riunione per aggiornare le valutazioni ed incontrare i rappresentanti delle imprese boschive che operano in provincia di Sondrio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento