Sondrio

Già liberi i ladri delle slot machine, Christian Borromini (Ln): "Lavoro delle forze dell'ordine vanificato"

Il Segretario provinciale della Lega nord attacca: "Calpestato il diritto alla sicurezza dei cittadini"

Sono già liberi i cinque giovani romeni che la notte fra martedì 9 e mercoledì 10 giugno hanno messo a segno un colpo in una sala slot di Cosio Valtellino e tentato di replicarlo a Sondrio prima di venire arrestati: la sospensione della pena, seguita alla sentenza per processo direttissimo, non va giù al Segretario provinciale della Lega nord, Christian Borromini

«Se questo fosse un paese giusto proteggerebbe i suoi cittadini - tuona Borromini - e terrebbe in carcere gli immigrati che commettono reati.  Il lavoro encomiabile delle forze dell’ordine viene vanificato, il diritto alla sicurezza dei cittadini viene calpestato: il più recente, purtroppo non sarà l’ultimo, fatto di cronaca, conferma che lo Stato non ci protegge. Che senso ha impegnare le forze dell’ordine nelle indagini, cogliere sul fatto dei delinquenti e arrestarli se poi vengono subito liberati?»

«Questi romeni, cittadini comunitari perché l’Unione europea, con uno dei suoi tanti errori, ha deciso di aprire le porte a tutti, rubano e si fanno pure beffe di noi - prosegue ilo Segretario - Stanotte saranno già in qualche abitazione o in qualche negozio per commettere l’ennesimo furto, magari anche per fare del male alle persone, perché sono capaci di tutto. Non possono essere fotografati, la gente non può vedere i volti di persone che potrebbero derubarli ma loro possono girare liberamente. I delinquenti vengono trattati meglio dei cittadini onesti, gli stranieri vengono prima degli italiani come la vicenda dei profughi dimostra. Adesso diciamo basta perché la gente non ne può davvero più».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Già liberi i ladri delle slot machine, Christian Borromini (Ln): "Lavoro delle forze dell'ordine vanificato"

LeccoToday è in caricamento