menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Sen. Del Barba in visita ai centri di accoglienza in Svizzera: "Ero pronto a trovarmi di fronte ai trattamenti duri. Invece..."

"Avevo detto: voglio vedere cosa fanno loro che non hanno obblighi dall'Europa e sono una confederazione alpina"

Ecco riportato - integralmente -  il reportage, pubblicato sulla sua pagina Facebook ufficiale, della visita di ieri, lunedì 5 settembre, in alcuni centri d'accoglienza di Svizzera, più precisamente nel Canton Grigioni del senatore Mauro Del Barba.

«Ero pronto a trovarmi di fronte alla ferrea disciplina e ai trattamenti duri a cui avevo sentito alludere per giustificare il fatto che lì le cose funzionano. Invece...

1 Parto da Coira al centro di prima accoglienza. Qua arrivano inviati da Berna: dal centro li girano ai singoli Cantoni che decidono come organizzarsi. Alcuni Cantoni li rigirano ai comuni che si devono arrangiare. Il Canton Grigioni ha questi centri di prima accoglienza. Entriamo...

2. e 3. Entrati trovo l'ufficio che si occupa della burocrazia e gestione del centro. Gli ospiti sono schedati con delle foto sul muro.

4.5.6.7.8.9 Visitiamo il centro. Molto spartano. Ci spiegano che ora gli ospiti lavano da soli usando le lavatrici: funziona meglio di quando organizzavano loro. Stirano, cucinano. Niente suppellettili in giro, tutto aperto per non nascondere oggetti o refurtive.

Ma gli ospiti? Dove sono? Qua si fermano pochi mesi e poi vengono smistati negli altri centri. Alcuni sono a scuola (gli insegnano la lingua, le usanze, come spostarsi coi mezzi, dove e come fare la spesa, le regole base di chur...) altri sono in città. Non sono chiusi, possono uscire come vogliono e non hanno obbligo di dormire lì. Devono farsi vedere una volta al giorno. Mah, come si spostano chiedo?

10.11 coi mezzi. Ricevono ogni 15 giorni dei soldi per fare la spesa. Viste le differenti etnie e religioni funziona meglio che ognuno si faccia la spesa, cucini, mangi, lavi auto organizzandosi, mi dicono. Prima cucinavamo noi, ora fan da soli come vogliono. Mi mostrano la tabella che indica quanti soldi dare a ciascuno al mese per farsi la spesa. 360 Franchi.

A questo punto chiedo: quanti ne avete in canton Grigioni. Circa 1000.
Faccio due conti: Canton Grigioni abitanti circa come la provincia di Sondrio... Ma ne hanno più di noi? (Non eravamo invasi? ... Mumble mumble)

E chiedo: quanto vi passa la confederazione x coprire i costi? Risposta: 49 Franchi Svizzeri al giorno per ospite, di più se son minori non accompagnati. Rifaccio due conti: 45 Euro... Nessuno da fondi Europei.... Mumble mumble

Richiedo: quanto dura la pratica per il riconoscimento delll'asilo? Risposta: 4/5 mesi, ma dipende. Questo signore siriano aspetta da tre anni.

Mi guardo attorno, son tutti tranquilli: ma la gente non ha paura? Non sorgono problemi? No, non piu' che con gli svizzeri, la risposta che pero' mi convince poco. Mah. Andiamo a vedere i centri permanenti.

Ci spostiamo al centro che ospita famiglia con ragazzi in età scolare.

12. Arriviamo: bello stabile. Mi dirannon poi che si tratta di un hotel che funzionava poco e che è stato preso in affitto dal Cantone per ospitalità

13.14.15 buona accoglienza, ambiente pulito, in fondo mi mostrano: l'Asilo!! Entro piano dai bambini che guardano e sorridono.

16.17.18 alle elementari stanno imparando la lingua e i suoni locali.

19 e i ragazzi in età più grande hanno i computer e fanno laboratori manuali

20 e seguenti. Passiamo in rassegna cucina, spazi di gioco, camere e l'appartamento dei minori non accompagnati che vivono insieme per imparare a rendersi autonomi quando usciranno. Vedo la foto della loro squadra di calcio che si allena con il Coira e gli scarpini da calcio nella scarpiera.

Restiamo un pò a parlare: gli operatori sono molto aperti e mi invitano a tornare con altri amici italiani. Torno verso il passo dello Spluga e passando da Splûgen, rinomata localita' turistica, mi spiegano: quell'albergo funzionava poco. Tra poco sarà un centro d'accoglienza x immigrati. Il cantone lo ha deciso: il comune viene informato solo a decisione presa.

Passo la dogana che avevamo superata all'alba, ma tutto è diverso dalle aspettative.»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento