menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Rossi

Antonio Rossi

«L'Imu sugli impianti di risalita è una scelta assurda»

L'assessore regionale Antonio Rossi contrario alla sentenza della Corte Suprema di Cassazione. L'importo per i gestori varierebbe da 25mila a 50mila euro

«Sarebbe assurdo far pagare l'Imu sugli impianti di risalita, se vogliono far crollare il comparto economico e sportivo delle nostre montagne hanno imboccato la strada giusta». Lo dice oggi, 24 marzo, l'assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi, commentando la sentenza delle Corte Suprema di Cassazione che obbligherebbe i gestori degli impianti di risalita a pagare l'Imu.

Gli importi varierebbero da 25mila euro per una seggiovia a sei posti a 50mila per una telecabina a otto posti. «Sarebbe una follia - ribadisce Antonio Rossi - in questi giorni voglio affrontare la questione non solo con il presidente Maroni, a anche con gli operatori del settore». «Come Regione Lombardia - conclude - ribadiamo di essere a fianco degli impiantisti e faremo tutto ciò che è in nostro potere per tutelare un comparto importante come la montagna che dà lavoro a migliaia di persone».

L'assessore Rossi incontrerà Anef Lombardia (Associazione Nazionale Esercenti Impianti a Fune) venerdì 7 marzo nell'ambito di "Dillo alla Lombardia", il confronto con gli stakeholders di riferimento che viene svolto ogni anno presso Regione Lombardia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento