menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento, Sondrio promossa da Legambiente tra le città lombarde

Nel 2014 è stata una delle poche a non superare il limite di polveri sottili

In Italia il 2015 si apre con molte città alle prese con alti livelli di inquinamento nell'aria. A confermarlo è il rapporto "Mal'aria" diffuso da Legambiente relativamente alla situazione delle città nel mese di gennaio. Sono oltre 32 i capoluoghi che hanno registrato, dall'inizio dell'anno ad oggi, un superamento della soglia massima giornaliera consentita ogni tre giorni. Quattordici quelli in cui si è registrato un superamento un giorno su due. Tra queste, figurano tutti i principali centri urbani dell'area padana e alcune grandi città del centro sud, tra cui Roma e Napoli. A guidare la classifica dell'inquinamento sono Frosinone e Parma con 20 giorni di superamento del limite.

Dal monitoraggio delle centraline peggiori di ogni città presa in considerazione è poi emersa una situazione di inquinamento diffuso piuttosto allarmante. In Lombardia, il 68% delle centraline urbane ha superato il limite consentito di polveri sottili nel 2014 e tutte le centraline presenti a Milano, Brescia, Lodi, Mantova, Monza e Pavia hanno superato il limite dei 35 giorni. Solo Como, Lecco, Sondrio e Varese non hanno registrato superamenti.

In particolare, stando alle rilevazioni di Legambiente “Ecosistema urbano XXI”, presentato nell’ottobre del 2014 con dati relativi al 2013, coinvolgendo 82 capoluoghi di provincia, si scopre che nella città di Sondrio il biossido di azoto, gas irritante per l'apparato respiratorio e per gli occhi che può causare diversi problemi respiratori, si attesta su una media di 29,5 microgrammi al metro cubo, ben al di sotto dei limiti stabiliti per legge di 40 al metro cubo. Buoni risultati anche per il particolato fine, che a Sondrio ha fatto registrare una media di 19 microgrammi al metro cubo, quando il limite stabilito è di 26. In merito all'ozono troposferico, gas fortemente ossidante e tossico se inalato in grandi quantità che irrita le vie aeree, gli occhi e può portare a diverse patologie cardio-respiratorie, Sondrio si attesta su una media di superamento di 37 giorni rispetto alla media mobile sulle 8 ore di 120 microgrammi al metro cubo, quando il limite consentito è però solamente di 25 giorni all'anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento