menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frontalieri e fiscalità: accordo storico tra Italia e Svizzera

Molte le novità: viene eliminata la doppia tassazione

L'ultimo accordo in materia di imposizione fiscale dei lavoratori frontalieri risaliva al 1947, ma dopo lunga trattativa, martedì 22 dicembre, è stata raggiunta una storica e nuova intesa, per cui il 70% del reddito verrà tassato in Svizzera, con le aliquote del Paese, e il restante 30 in Italia.

L'accordo, che concretizza quanto deciso nel febbrario 2015 in tema di questioni finanziarie e fiscali, elimina inoltre la doppia tassazione e prevede la possibilità di detrazioni per spese saniterie, d'istruzione e per i mutui.

Sono molte le conseguenze per i frontalieri che, come riporta il quotidiano La Provincia di Sondrio, potrebbero affrontare un aumento del prelievo fiscale, quantomeno non immediato. I lavoratori però, secondo i sindacati svizzeri del settore, avranno anche benefici e opportunità.

Il governo italiano e svizzero devono ora firmare l'accordo, che dovrà essere anche approvato dai rispettivi parlamenti; ad ora, l'intesa è stata siglata solo dai negoziatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento