ValtellinaToday

Operazione Metastasi: il Prefetto di Sondrio dice che bisogna tener sempre alta la guardia

Casabona: la Valtellina non è immune alle infiltrazioni della criminalità organizzata

L'arresto del professor Ernesto Palermo, docente dell'istituto Romegialli di Morbegno, ha allertato la Valtellina sulla presenza della criminalità organizzata all'interno della pubblica amministrazione.

A toccare il nervo scoperto è stato il Prefetto di Sondrio Carmelo Casabona il quale, prima di essere nominato nella nostra provincia, è stato prefetto a Palermo e Reggio Calabria e conosce da vicino il problema.

La Valtellina, per le sue caratteristiche, non è zona appetibile per la criminalità organizzata - ha spiegato il Prefetto - ma questo non significa che sia immune alle infiltrazioni mafiose attraverso soggetti prestanome a cui fanno capo attività o immobili. Negli interessi della criminalità ci sono appalti, commercio, industrie alimentari e per questo - ha concluso il Prefetto - bisogna stare stare sempre all'erta e lavorare costantemente per la sicurezza del territorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Castello, dopo mezzo secolo chiude lo storico negozio di alimentari di Rino e Grazia

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

Torna su
LeccoToday è in caricamento