menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiedeva il "pizzo" a un imprenditore, arrestato a Sondrio

La vittima ha pagato per dieci anni

Ha sborsato oltre un milione di euro per dieci anni, pagando il "pizzo" sulla sua attività edile fino a ieri 26 agosto, quando il suo aguzzino è stato arrestato.

A finire in manette grazie alle Fiamme gialle di Sondrio, M.R già noto alle cronache perché arrestato dalla Guardia di finanza nel 2001 con l'accusa di concussione. L'uomo è stato bloccato nel tardo pomeriggio di ieri, poco dopo che l'imprenditore valtellinese, R.C., gli aveva consegnato 30mila euro.

La tecnica utilizzata da M.R. per estorcere il "pizzo" era semplice e collaudata, e consisteva nel minacciare la vittima di pericolose ripercussioni nel caso in cui questa non avesse pagatio, ponendosi come "braccio" esecutivo di una struttura criminale e malavitosa. Minacce che hanno avuto il loro effetto per dieci anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento