menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poste, i sindacati minacciano scioperi fino al 23 maggio

La Cisl territoriale denuncia: "Dopo le mancate risposte dall'azienda potrebbero verificarsi agitazioni in tutta la Lombardia"

La segreteria territoriale della Cisl annuncia uno sciopero dal 23 aprile fino al 23 maggio che interesserà le prestazioni straordinarie ed aggiuntive in tutti gli uffici postali della Lombardia.

"Dopo la chiusura negativa del confronto con l’azienda e l’assoluta mancanza di risposte ai molti problemi evidenziati con l’apertura del conflitto di lavoro, siamo in presenza di ha una insostenibile condizione operativa" denuciano dai sindacati. "Le carenze di personale negli uffici postali con innumerevoli postazioni vuote, i distacchi e le trasferte sempre maggiori, le convocazioni per corsi di formazione e per svariati altri motivi oltre l’orario d’obbligo, l’aumento dei tempi di attesa in coda e le improvvise immotivate quotidiane chiusure di uffici, soprattutto nei piccoli Comuni, sono la evidente dimostrazione di una diffusa carenza strutturale negli organici alla quale l’azienda intende in parte sopperire con chiusure e razionalizzazioni di uffici, peraltro momentaneamente sospese in seguito alle azioni sindacali ed alle forti contestazioni dei sindaci e delle popolazione delle comunità coinvolte".

Le 600 unità fuoruscite in Lombardia per pensionamenti ed esodi incentivati negli ultimi due anni, denunciano ancora dai sindacati, mai sostituite (nei prossimi due anni sono previste altrettante fuoruscite), ed i mancati passaggi degli attuali circa 200 part-time a full-time "hanno creato una condizione di disagio e demotivazione fra il personale che, nonostante la buona volontà ed il senso di responsabilità degli incolpevoli dipendenti, non riesce più a servire in maniera adeguata i cittadini e le imprese".

Nei primi mesi del 2015, prosegue la Cisl, si sono già registrate circa 70 fuoruscite di personale e delle 8mila assunzioni propagandate nel Piano d’impresa, nel 2015 ne sarebbero previste in Lombardia solo un ventina, però nelle sole attività commerciali e non di sportellisti dove si registrano le maggiori carenze di personale con difficoltà nell’offerta dei servizi.

"A ciò vanno aggiunte le diffuse carenze nella sicurezza e tutela della salute negli ambienti di lavoro, spesso persino nemmeno tanto puliti e con scarse manutenzioni per risparmiare sui costi. Una politica così spinta di risparmio sui costi attuata con tagli di personale e perdita di qualità in tutti i servizi, chiusure di uffici ed abbandono del presidio nei piccoli comuni e in territori già disagiati per la carenza di servizi ed infrastrutture, non è accettabile se attuata da un’azienda a totale capitale pubblico che da 12 anni produce consistenti utili di bilancio e che sta per quotarsi in Borsa". 

Le organizzazioni sindacali regionali, pertanto, "di fronte al perdurare dell’insensibilità aziendale anche dopo i sit-in nelle piazze delle città ed alle assemblee nei luoghi di lavoro", non escludono la proclamazione dello sciopero generale con chiusura di tutti gli uffici postali della regione dal 23 aprile, oggi, al 23 maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento