menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sette arresti per furto

Si tratta di sette persone di origine centro e sudamericana. L'indagine è partita dopo un furto commesso lo scorso marzo in un'abitazione di Cosio Valtellino

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, in collaborazione con i militari della Compagnia di Sondrio, hanno arrestato sette persone, originari del centro e sud America, irregolari sul territorio nazionale, responsabili di furti in abitazione, in esercizi commerciali, di e su auto e di ricettazione.

Le indagini non si sono fermate: i militari sono tuttora impegnati negli approfondimenti, poiché si hanno elementi sicuramente importanti per chiarire ulteriori responsabilità degli arrestati in circa un centinaio di episodi registrati tra Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Lazio.

L’operazione è avvenuta poco prima dell’alba di ieri, quando gli individui sono stati localizzati a Pioltello (MI) e Ostia (RM): alle 4.30 i militari di Sondrio, con l’appoggio dei Carabinieri di Cassano d’Adda, del Gruppo di Monza e della Compagnia di Ostia sono entrati nelle abitazioni dei correi e li hanno catturati.

L’indagine prende le mosse da un furto in abitazione commesso il 25 marzo scorso a Cosio Valtellino, in relazione al quale erano stati arrestati tre stranieri. Gli elementi raccolti hanno indotto il GIP del Tribunale di Sondrio ad emettere quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di P. M. V. H., classe 1979, Q. J., dell’82, M. M. A. K., anch’essa dell’82 e C. B. N. C., classe 1983.

All’atto dell’esecuzione delle misure P. M.V.H. è stato intercettato a Pioltello su un veicolo rubato, a bordo del quale è stata ritrovata anche diversa refurtiva, ragion per cui sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria per ricettazione anche gli altri tre occupanti del veicolo, due uomini ed una donna. In questo caso, nella refurtiva, sono stati trovati anche diversi mazzi di chiavi di abitazioni che riportavano una targhetta con nome ed indirizzo.

Altro particolare emerso è l’organizzazione del gruppo: uno o più esecutori materiali del furto, chi faceva il “sopralluogo”, chi faceva da “palo” con l’incarico di avvertire dell’avvicinamento di testimoni o forze di polizia, chi provvedeva al trasporto, chi si occupava della refurtiva.
Refurtiva importante: un veicolo, borse ed accessori di marca, monili, profumi, orologi, per un valore stimato di circa€20.000.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento