menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sigarette, via ai nuovi divieti: multe per chi getta i mozziconi a terra

Entra in vigore il 2 febbraio il "Collegato ambientale": ecco cosa prevede

Entra in vigore oggi 2 febbraio il "Collegato ambientale", contenitore di norme sull'inquinamento e la salute che sembra destinato, almeno sulla carta, a cambiare le abitudini di molti italiani, a partire dai fumatori.

Proprio gli affezionati della sigaretta dovranno infatti fare i conti con una serie di nuove prescrizioni e multe, a partire da quella per cui chi getta a terra i mozziconi potrà essere sanzionato fino a 300 euro. 

Non solo: da oggi scatta anche il divieto di fumare in auto in presenza di minori o donne incinte, e all'esterno degli ospedali. È inoltre vietato vendere ai ragazzi sotto i 18 anni anche le sigarette elettroniche, le ricariche con contenuto di nicotina e i "prodotti del tabacco di nuova generazione", e si fanno più aspre le sanzioni per i tabaccai che non rispettano i divieti: da 500 a 3mila euro per la prima violazione, con la sospensione di 15 giorni della licenza, e la revoca in caso di reiterazione, con multe previste da mille a 8mila euro.

In arrivo anche i pacchetti shock, su cui campeggeranno foto a colori, per esempio, di organi malati a causa del fumo, o persone in ospedale per malattie derivate dalla nicotina, accompagnate da avvertenze sulla salute e dal numero verde da chiamare se si vuole smettere di fumare. Foto e scritte copriranno il 65% del fronte e retro del pacchetto, una differenza sensibile rispetto al 30-40% attuale.

Oltre alle norme sul fumo, il Collegato prevede sanzioni anche per chi getta fuori dai cassonetti scontrini, fazzoletti di carta, gomme da masticare, "al fine di preservare il decoro urbano dei centri abitati e per limitare gli impatti negativi derivanti dalla dispersione incontrollata nell'ambiente di rifiuti di piccolissime dimensioni". I proventi delle multe saranno destinati per metà a un fondo del Ministero dell'ambiente istituito ad hoc, mentre il restante 50% rimarrà in mano ai Comuni e potrà essere utilizzato per campagne di sensibilizzazione sul tema dell'inquinamento o per la manutenzione del sistema fognario urbano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento