menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Giorno della memoria: gli eventi in programma a Sondrio

Cotelli: "L'appuntamento con la Shoah è doveroso, c'è la necessità di non dimenticare"

Mercoledì 27 gennaio è il Giorno della Memoria, ricorrenza che commemora le vittime dell'Olocausto. La città di Sondrio, per l'occasione, ha organizzato alcuni momenti che vogliono aiutare i cittadini a "non dimenticare e continuare a riflettere".

"È consuetudine dell'Amministrazione conferire un significato di impegno civile, dare un'occasione di riflessione nel Giorno della Memoria. Gli anni passati abbiamo voluto ricordare i grandi genocidi di cui il Novecento si è macchiato: da quello Armeno nel 1915 a quello del Rwanda, di cui abbiamo fatto memoria l'anno scorso - spiega Marina Cotelli, assessore alla Cultura di Sondrio - Quest'anno abbiamo ritenuto importante tornare alla ragione fondante del perchè è stata costituita questa giornata e quindi torniamo a ricordare la Shoah: i fatti della storia, le molte persone che hanno subito la deportazione, ma anche chi si è opposto per combattere lo sterminio - conclude la Cotelli - L'appuntamento con la Shoah è doveroso anche in virtù degli episodi di antisemitismo che il nostro tempo ha vissuto: c'è la necessità di non dimenticare, attraverso tutti gli strumenti a disposizione della cultura, dell'istruzione e dell'informazione".

Il programma dedicato alla ricorrenza, nato dalla collaborazione tra Comune, biblioteca Rajna e l'Issrec, Istituto sondriese per la storia della resistenza, si svilupperà in tre giornate. Questi gli eventi.

Mercoledì 27 gennaio, alle ore 17 presso il parco della Rimembranza di via Battisti, si terrà la consueta cerimonia alla presenza delle Autorità Civili e Militari, delle scuole e di tutta la cittadinanza. Alle 17.30, presso la biblioteca Rajna, si terrà poi l'incontro dal titolo "L'invenzione del nemico. Dalle leggi per la difesa della razza alla soluzione finale"; le relatrici saranno Bianca Ceresara Declich e Fausta Messa dell'Issrec.

Lunedì 1 febbraio, alle ore 21 presso il Teatro Sociale, andrà in scena "Il visitatore", lo spettacolo di Eric-Emmanuel Schmitt che racconta la storia di Anna Freud, la figlia del celebre psicoanalista, arrestata nell'aprile del 1938 dalla Gestapo.

Martedì 2 febbraio, presso il Policampus, si terrà un altro spettacolo, dedicato perl alle sole scuole secondarie di II grado, dal titolo "Che non abbiano fine mai" di e con Eyal Lerner.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento