menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sondrio, sette ladri d'appartamento arrestati dalla polizia

Due segnalazioni dai cittadini nel giro di pochi minuti e l'intervento rapido degli agenti hanno permesso di catturare i malviventi

Due bande di ladri arrestati nel giro di poco tempo dalla polizia di Sondrio, in un'operazione denominata "Flash" proprio per la sua risoluzione immediata e rapida.

Nel tardo pomeriggio di ieri 3 marzo arriva alla Questura la segnalazione di una donna residente nel capoluogo, insospettita dalla presenza di quattro uomini dall'aria furtiva in via Vanoni: immediato l'intervento sul posto della polizia, con gli agenti della Squadra volanti e gli equipaggi di rinforzo del Reparto prevenzione crimine di Milano, che hanno dato il via alla "caccia" ai malviventi.

Negli stessi momenti giungeva in Questura una seconda segnalazione, stavolta da via Giuliani: un uomo aveva appena sorpreso due uomini a rovistare nella propria abitazione, ma questi erano fuggiti calandosi dal terrazzo, e poi dai tubi del gas, non appena si erano trovati davanti il padrone di casa.

Anche in questo caso gli agenti, intervenuti tempestivamente, sono riusciti a fermare nei pressi di via Giuliani un giovane, il quale aveva ancora addosso alcuni oggetti preziosi trafugati all'uomo, mentre due persone sono state bloccate in via Maffei.

Nelle due zone colpite dai malviventi i poliziotti hanno effettuato una perlustrazione accuratga, riuscendo quindi ad arrestare altri 4 malviventi: un giovane accovacciato in un pollaio, probabilmente nascosto in attesa che gli agenti se ne andassero, e antri tre uomini nei pressi della stazione feroviaria.

I sette arrestati, tutti di nazionalità albanese risultano essere entrati nel territorio di Schengen tramite la Croazia, alla cui frontiera è stato apposto il visto regolare sul passaporto. Stando ai controlli effettuati dalla Polizia, però, due di loro risultano già espulsi dal territorio nazionale dalle Prefetture di Milano e di Pavia, e rientrati in Italia utilizzando false identità.

I malviventi, inoltre, sarebbero parte di una banda che conterebbe presumibilmente altre 10 persone, arrivate tutte in città nel pomeriggio di ieri con l'intenzione di commettere furti in appartamento e poi rientrare a Milano, da dove sembrano provenire tutti gli arrestati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento