menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giulio Gallera mentre posa la prima pietra (Foto di www.regione.lombardia.it)

Giulio Gallera mentre posa la prima pietra (Foto di www.regione.lombardia.it)

Sondrio, posata la prima pietra del nuovo Pronto Soccorso

Giulio Gallera, assessore al welfare di Regione Lombardia "Obiettivo è integrare l'ospedale al territorio affinché la cura dei malati prosegua al di fuori e passare dalla cura, al prendersi cura"

«Investire 5.300.000 euro per il nuovo Pronto soccorso è la dimostrazione che Regione Lombardia con l'attuazione della riforma socio-sanitaria, che si prefigge di prestare una maggiore attenzione al territorio, non vuole comunque ridurre l'offerta ospedaliera. Questo nuovo Pronto soccorso, che entro un anno sarà realizzato, ne è la conferma». Lo ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, lunedì 18 luglio, nel corso della cerimonia di posa della prima pietra del nuovo Pronto soccorso dell'ospedale di Sondrio.

Fase importante riforma . «Stiamo entrando nella fase di attuazione della riforma - ha spiegato l'assessore- . Obiettivo è integrare l'ospedale al territorio affinché la cura dei malati prosegua al di fuori e passare dalla cura, al prendersi cura, che non è uno slogan, ma una filosofia. Lo scopo è quello di rispondere ai nuovi bisogni dei cittadini in campo sanitario che riguardano in particolare modo la cronicità, cioè cittadini malati che tali rimangano o per tutta la vita o comunque per un lungo periodo, un fenomeno dovuto al progressivo invecchiamento della popolazione e dall'incremento delle patologie croniche-degenerative».

Confermato ambito montagna. «Riuscire a fare questo nell'Ats della Montagna - ha sottolineato - è la nostra sfida più complessa per tutta una sere di problematiche, a partire dalla morfologia del territorio, che chiaramente rende più difficoltosi gli spostamenti e quindi la continuità di cura per i pazienti cronici. Un territorio che ha un'omogeneità di bisogni, dati appunto dalle caratteristiche del territorio o dall'assenza di strutture private, che ci ha anche spinto a confermare l'ambito territoriale dell'Ats della Montagna, così come previsto dalla legge 23, ufficializzato questo pomeriggio nella seduta di Giunta, assieme a tutti gli altri».

Collaborazione e confronto. «La collaborazione e il confronto con il territorio - ha concluso Gallera - sarà la parola d'ordine del mio operato. Incontrerò i rappresentanti delle comunità locali, le Comunità montane, i comitati dei cittadini per ragionare con loro su come attuare questa riforma, su come mantenere o migliorare i servizi con lo stesso entusiasmo con cui lo stiamo facendo da altre parti della regione perché Regione Lombardia non vuole ridurre i servizi, ma rispetto alle nuove necessità e alle risorse esistenti intende costruire servizi personalizzati per la presa in carico dei più vulnerabili».

Al termine della cerimonia di inaugurazione dei lavori del cantiere per la realizzazione del nuovo Pronto soccorso l'assessore Gallera è poi intervenuto al confronto con le Direzioni strategiche di Ats della Montagna, Asst della Vallecamonica, Asst della Valtellina e dell'Alto Lario per discutere sulle modalità operative da attuare per l'applicazione della riforma .

 L'intervento prevede la ristrutturazione degli spazi già destinati a tale funzione ed ubicati al piano seminterrato del corpo ovest del padiglione sud, ed il loro ampliamento mediante la realizzazione di un nuovo corpo di fabbrica di circa 600 mq in adiacenza verso il cortile interno tra padiglioni sud e nord, per un totale di circa 1.000 metri quadrati.

Il nuovo Pronto soccorso sarà adeguato ai modelli più innovativi. In particolare prevederà la separazione degli spazi tra i pazienti aventi diversa gravità

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento