menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il parcheggio di piazza Merizzi a Sondrio (foto www.google.it/maps)

Il parcheggio di piazza Merizzi a Sondrio (foto www.google.it/maps)

Aggredisce una donna e le ruba l'auto, ma finisce contro un muro: arrestato

Il giovane, 18 anni di Sondrio, è ai domiciliari in attesa della convalida del fermo

Un grande spavento e fortunatamente nulla di più per la signora che, nel primo pomeriggio di martedì 9 febbraio, è stata aggredita a Sondrio da un giovane, 20 anni e residente nel capoluogo.

Alcuni minuti dopo le 15 la donna, 62 anni di Teglio, stava raggiungendo la sua auto in sosta nel parcheggio di piazza Merizzi per fare ritorno a casa quando il giovane le si è avvicinato chiedendole di poter utilizzare il suo cellulare per una chiamata urgente.

La signora, piuttosto intimorita, ha replicato di non poter esaudire la richiesta e con cautela si è avvicinata al veicolo, ma non ha fatto in tempo ad estrarre le chiavi dalla tasca che il ragazzo con gesto repentino gliele ha sottratte e a nulla è servita la reazione della donna, scaraventata a terra.

Il giovane è quindi salito a bordo del veicolo, ma cercando maldestramente di allontanarsi è andato a schiantarsi contro il muro perimetrale del parcheggio e vani sono stati i successivi tentativi di ripartire: troppo gravi i danni riportati dalla vettura.

La signora, nel mentre, era riuscita ad attirare l'attenzione di una pattuglia della Polizia, in quel momento in transito lungo via Parolo, che, subito intervenuta, ha immobilizzato il giovane prima che potesse darsi alla fuga.

Il personale di Polizia ha quindi accompagnato il ragazzo presso il Comando dove è stato identificato quale soggetto pregiudicato e tratto in arresto per il reato di rapina. Il Magistrato della Procura, in ragione delle particolari condizioni del giovane, ha disposto gli arresti domiciliari presso il luogo di residenza.

Le indagini sono in corso per accertare compiutamente i fatti, anche grazie alla testimonianza di una persona che ha assistito all'episodio, e per capire il movente che ha indotto il ragazzo a compiere un gesto di assoluta gravità che avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento