menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trenord, in tre mesi puntualità migliorata del 10%

L'amministratore delegato Cinzia Farisè assicura potenziamento del servizio e diminuzione dei rallentamenti in occasione di Expo

Buone notizie per i pendolari della provincia, almeno stando ai dati diffusi da Trenord e Regione Lombardia in questi giorni. L’indice di puntualità dei treni - con riferimento agli standard europei che considerano puntuali quelli arrivati entro il limite dei 5 minuti- è migliorato negli ultimi tre mesi di dieci punti percentuali, passando dal 72% del 19 novembre 2014 all’82% attuale: l’obiettivo è di portarlo entro tre anni al 90%.

Lo ha confermato il nuovo amministratore delegato di Trenord Cinzia Farisè, che ha assunto l’incarico a metà novembre dello scorso anno e che è intervenuta in commissione Territorio per fare il punto sugli obiettivi e sulle azioni che saranno messe in campo per migliorare il servizio di Trenord. «Ho trovato una situazione di forte criticità –ha dichiarato- e il mio primo obiettivo è stato quello di motivare i dipendenti dell’azienda ad ogni livello. In vista di Expo, Trenord deve migliorare la sua performance e su questo obiettivo stiamo concentrando ogni sforzo. Sono soddisfatta nel riscontrare da subito significativi miglioramenti e risultati pur in un così breve tempo trascorso».

Secondo i dati forniti dalla Farisè, in questi ultimi tre mesi i treni con ritardi superiori ai 5 minuti sono diminuiti dal 29% al 15%, mentre sono passati dal 28% al 41% quelli arrivati in perfetto orario: la percentuale dei treni soppressi è scesa dal 4,6% del novembre 2014 allo 0,7% attuale. Trenord sta concentrando gli sforzi sulle linee che presentano maggiori criticità e che impattano maggiormente sulla circolazione dell’intero sistema lombardo, cercando di intervenire soprattutto su puntualità, affollamento e decoro delle carrozze, su una comunicazione più tempestiva e puntuale, sulla diminuzione dei rallentamenti lungo la linea e degli episodi di microcriminalità e vandalismi.

«Ogni giorno –ha evidenziato ancora l’amministratore delegato di Trenord- servirebbero almeno dieci convogli in più: dei 63 nuovi treni previsti per il triennio 2014-2016, già 13 sono entrati in funzione e hanno consentito la dismissione di un centinaio di vecchie carrozze obsolete. Altri dieci treni entreranno in funzione prima dell’inaugurazione di Expo 2015, altri sette durante l’esposizione universale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento