menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Valtellina, due arrestati per spaccio di droga

L'operazione è stata condotta dai carabinieri di Sondrio tra Morbegno e Ardenno

Due giovani sono stati tratti in arresto dai Carabinieri della Compagnia di Sondrio, in due distinti episodi, avvenuti nella serata di ieri, 25 settembre 2015, per reati in materia di sostanza stupefacente.

MORBEGNO - i militari della locale Stazione Carabinieri, durante un servizio perlustrativo, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Ahiableame Boubacar, cittadino senegalese, classe 1993, regolarmente residente sul territorio nazionale, il quale è accusato di aver ceduto circa 3 grammi di sostanza stupefacente tipo hashish a due 17enni della zona. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, effettuata a casa dello straniero, sono stati rinvenuti ulteriori 8 grammi della stessa sostanza, un bilancino di precisione e la somma di 200 euro in denaro contante, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio; il tutto è stato sottoposto a sequestro, così come i 3 grammi ceduti ai due assuntori. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio. I due minorenni, invece, sono stati segnalati alla Prefettura quali assuntori, ex art. 75 D.P.R. 309/90.

ARDENNO - i militari del locale Comando Stazione hanno tratto in arresto il cittadino marocchino Iraoui Abdelhak, classe 1988, già noto alle Forze dell'Ordine, in esecuzione di un ordine di carcerazione, emesso dal Tribunale di Verona, per l’espiazione della pena residua di mesi 7 e giorni 19 di detenzione, a seguito della condanna definitiva emessa a suo carico per il reato di detenzione ai fini di spaccio di kg. 14 di sostanza stupefacente tipo “hashish”, accertato a Verona nel febbraio 2013. Anche in questo caso, lo straniero, su disposizione dell’A.G. competente, è stato sottoposto al regime di detenzione domiciliare presso la propria abitazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Ferrate lecchesi: convenzione firmata, a maggio l'inizio dei lavori

  • Attualità

    Firma messa: cinque strade provinciali diventano di Anas

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento