menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti illegali: due imprenditori indagati a Bianzone

Si ipotizza uno smaltimento abusivo su un terreno di 7 mila metri quadrati

Un carrozziere e un imprenditore edile del Tiranese sono indagati per gestione illegale di rifiuti, finalizzata allo smaltimento illegale, e per cambio di destinazione d'uso di un terreno e di un immobile, da agricolo a industriale, a Bianzone.

L'indagine, coordinata dal sostituto procuratore Giacomo Puricelli, ha preso avvio dall'osservazione, da parte di alcuni Forestali, di irregolarità nell'utilizzo dell'area, da ieri 29 settembre sotto sequestro. Sul terreno, di circa 7 mila metri quadri, è stata inoltre rilevata la presenza di rifiuti per i quali non c'era l'autorizzazione.

Gli esami del suolo, di proprietà di una società del settore tessile, potranno confermare, o meno, se ci sia stato smaltimento abusivo di sostanze e materiali nocivi, come oli e idrocarburi.

Entrambi gli imprenditori sono stati denunciati dalla Procura per il cambio di destinazione d'uso del terreno e dell'immobile; il titolare della carrozzeria per concorso, con il legale rappresentante della società di costruzioni, per smaltimento fuorilegge.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento