menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

M25 è rientrato in Svizzera

A Mazzo si è svolto un incontro con gli esperti per capire se è possibile convivere con questo mammifero

L'orso M25 è rientrato in Svizzera ed ha ucciso un'asinella di proprietà di Otmaro Beti il presidente del comitato anti-orso costituito circa un anno fa in Valposchiavo.

L'uomo si è detto dispiaciuto per la perdita dell'asina ma che episodi simili sono da aspettarsi in territori dove vivono i grandi predatori.

Intanto venerdì sera a Mazzo si è svolto un incontro con gli esperti per capire se è possibile convivere con questo mammifero. Molti i partecipanti, soprattutto allevatori e agricoltori, alcuni dei quali hanno espresso a chiare lettere la loro contrarietà alla presenza del plantigrado.

Gli esperti hanno spiegato che l'orso è sempre vissuto sulle nostre montagne che, tendenzialmente, è un animale schivo e solitario. Gli orsi si muovono prevalentemente nelle ore notturne evitando il contatto con l'uomo e, pur essendo carnivori, si nutrono per il 70% di vegetali.

Le rassicurazioni non hanno convinto però tutti i presenti che non si dicono contrari alla presenza dell'orso ma chiedono un intervento della Provincia al fine di togliere dal territorio gli animali che creano problemi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento