menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di  www.rainews.it

Foto di www.rainews.it

Tovo, nel biglietto di addio le scuse ai familiari

Il movente dell'omicidio-suicidio è ancora da chiarire. Oggi le autopsie.

È sotto shock  la comunità di Grosio per la tragedia familiare consumatasi nel pomeriggio di ieri, 29 maggio, a Tovo dove Protasio Sala, 43enne grosino, ex proprietario del Bar Gallo ed ora manutentore presso la casa di riposo di Grosio, ha ucciso il figlio Pietro di 7 anni prima di togliersi la vita.

Secondo le prime ricostruzioni l'uomo ha strangolato il figlio e subito dopo si è tolto la vita impiccandosi, lasciando un biglietto dove avrebbe spiegato brevemente il perchè del suo gesto e chiesto scusa alla moglie.

L'allarme, stando a quanto riporta La Provincia di Sondrio, è scattato quando la moglie Piera, infermiera presso l'ospedale di Sondalo, non vedendo rientrare il marito ed il figlio per pranzo, ha allertato i parenti. Dopo delle brevi ricerche a Sondalo, dove l'uomo avrebbe detto di recarsi per la processione del Corpus Domini, i parenti si sono recati presso la villetta di proprietà della famiglia a Tovo. Qui la macabra scoperta, i corpi senza vita di padre e figlio.

Allertati immediatamente i carabinieri di Tirano che hanno subito iniziato le indagini e gli accertamenti per chiarire tutti i dubbi sulla vicenda, anche se la situazione non sembrerebbe lasciare spazio ad alcun dubbio. Sono state comunque disposte le autopsie da parte della Procura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento