menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Tirano alla Polonia in bicicletta contro il cancro

L'iniziativa dell'Associazione Cancro Primo Aiuto Onlus: l'obiettivo è raccogliere fondi per acquistare un acceleratore lineare

Millequattrocentocinquanta chilometri in bicicletta per una buona causa. Otto ciclisti domenica 25 settembre pedaleranno dal Santuario di Tirano fino a Czestochowa in Polonia, per raccogliere fondi per acquistare alcuni acceleratori lineari per la cura radioterapica dei malati di tumore destinati agli ospedali San Gerardo di Monza, Papa Giovanni XXIII di Bergamo e Niguarda di Milano.

A correre la tradizionale manifestazione benefica “Santiago in Rosa” dell’Associazione Cancro Primo Aiuto quest’anno, a differenza delle cinque passate edizioni che hanno visto impegnate in prima linea le donne, sole o accompagnate dai propri partner, saranno otto uomini. Si sale in sella alle 14 di domenica e la partenza è prevista dal santuario Beata Vergine a Tirano. Da qui il gruppo di ciclisti pedalerà, guidato dal team manager Omar Galli, verso il Passo del Bernina per scendere poi a Celerina dove lla squadra procederà verso est e attraverserà la Svizzera. Lungo la valle dell'Inn i ciclisti arriveranno a Innsbrusk, toccheranno Rosenheim e poi Salisburgo, Passavia, Linz per arrivare a Vienna e riprendere il percorso alla volta della Repubblica Ceca fino a Bratislava e poi verso nord fino al santuario di Czestochowa dove è previsto l'arrivo per sabato 1 ottobre.

La squadra di ciclisti, tutti brianzoli, è composta da Maurizio “Cowboy” Cereda, 46enne di Cornate, falegname produttore di arredi; Davide Corti, 47enne di Busnago, artigiano; Pierangelo Crespi, 60enne pensionato di Busnago, Maurizio Defendi, 49enne di Busnago, operaio-autista; Pasquale Monzani, pensionato 60enne di Roncello, da anni impegnato nel volontariato; Gerolamo “Gero” Oggioni, 55enne di Busnago, responsabile aziendale; Matteo Ripamonti, 44enne odontotecnico di Busnago; Franco Sala, 71 anni, pensionato residente a Bellusco. Nessuno, a parte gli ultimi due, hanno alle spalle esperienze simili in bicicletta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento