ValtellinaToday

La Svizzera ha deciso dal 2017 meno frontalieri

Con il referendum popolare del 9 febbraio scorso, i cittadini svizzeri hanno deciso l'introduzione di quote annuali per gli stranieri. Nei giorni scorsi il Consiglio federale ha annunciato che la volontà espressa dagli elettori verrà convertita presto in legge.

Dal 2017 quindi il numero dei frontalieri che potranno entrare in Svizzera sarà stabilito dal Consiglio, tenendo conto delle necessità di ogni singolo cantone. I cantoni avranno inoltre la possibilità di introdurre autonomamente ulteriori restrizioni al fine di tutelare il mercato del lavoro regionale.

Inevitabili le preoccupazioni per i frontalieri della Valtellina, impiegati soprattutto nell'edilizia, che già devono fare i conti con l'altro referendum svizzero del 2012 che ha approvato l’iniziativa che chiedeva di limitare la proliferazione di seconde case.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

Torna su
LeccoToday è in caricamento