menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Saldi, falsi ribassi: nei guai un noto commerciante di Tirano

Il negoziante rischia una sanzione amministrativa da un minimo di 516 a un massimo di 3.089 euro

Il trucco è sempre lo stesso e forse, proprio per questo, i clienti si sono fatti più attenti. Così, i saldi "artefatti" sono scoperti e i responsabili puniti, come è accaduto a Tirano.

La segnalazione di un cittadino alla Guardia di Finanza, con fotografie ante e post saldi a testimonianza, ha permesso infatti di accertare il reato di un noto commerciante che, sin dal primo giorno di saldi, ha alterato i prezzi di partenza facendo così apparire uno sconto, in realtà, inesistente.

Il fenomeno dei finti saldi è una piaga vecchia che, oltre l'inganno alla buona fede del cliente, comporta una distorsione del mercato e della libera concorrenza in danno ai tanti commercianti onesti.

Il trasgressore, per l'irregolarità commessa, dovrà ora pagare una sanzione amministrativa, da versare nelle casse del Comune, fino ad un massimo di 3.089 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Ferrate lecchesi: convenzione firmata, a maggio l'inizio dei lavori

  • Attualità

    Firma messa: cinque strade provinciali diventano di Anas

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento