menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Orari ridotti per la biblioteca di Chiavenna, la Giunta: "Perché ridurre servizio?"

L'assessore Martocchi: "Non siamo d'accordo su scelta della Comunità Montana che penalizza i cittadini e l'offerta culturale del territorio"

Prendiamo atto della decisione della Comunità Montana di ridurre le giornate e gli orari di apertura della sede principale della biblioteca della Valchiavenna.

Fin dall'inizio della discussione sul rinnovo dei servizi associati il Comune di Chiavenna ha dichiarato espressamente che non vi erano osservazioni in merito alla modalita di gestione e di ripartizione dei costi del settore culturale. Nessun comune, ci risulta, ha sollevato obiezioni in tal senso.

Inoltre, l'assemblea di comunità montana avevo condiviso la necessità di non mettere in discussione l'erogazione di alcun servizio associato.

Prima di Natale abbiamo inviato una comunicazione ufficiale chiedendo di approvare immediatamente il rinnovo della convenzione per la biblioteca proprio per evitare di compromettere i servizi.

Ci troviamo invece con la biblioteca di Chiavenna che prevede un orario ridotto in molte giornate e addirittura il sabato non garantisce l'apertura.

Non siamo d'accordo su questa scelta della Comunità Montana che penalizza i nostri cittadini e l'offerta culturale del territorio. Se c'era la condivisione di tutti a proseguire alle stesse condizioni del passato perché ridurre le aperture e creare disservizi in un momento particolare come quello delle festivita natalizie e ora della ripresa delle lezioni scolastiche?

Questo penalizza i nostri ragazzi, gli studenti e tutti i cittadini.

Inoltre non è corretto e rispettoso del lavoro prezioso e puntuale dei collaboratori della biblioteca che in alcuni casi di trovano anche con un rinnovo di contratto che non è avvenuto.

Si riveda questa scelta e la biblioteca di Chiavenna torni ad offrire il servizio qualificato che ha sempre svolto.

Se tutti i comuni sono in accordo su questo perché la Comunità Montana ha fatto questa scelta? Forse perché si vuole strumentalizzare questa situazione sulla pelle dei cittadini? Ci auguriamo che la responsabilità prevalga su altri ragionamenti strumentali  e questi disservizi ai nostri cittadini vengano meno immediatamente.

L'assessore alla Cultura Lorenza Martocchi
a nome della giunta comunale di Chiavenna

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento