Valchiavenna

Chiavenna, reparto maternità: il punto sulla raccolta firme

"Aspettando la deroga per il nostro nosocomio, pare che la nostra ASST voglia peggiorare la situazione"

È passato più di un mese dall'avvio della raccolta firme per salvare il reparto maternità dell'ospedale di Chiavenna, dopo che su i social era stato lanciato l'appello dal gruppo "Iniseme per l'ospedale di Chiavenna- reparto ostetricia e ginecologia" con l'hastag #iosononatoachiavenna diventato ormai virale.

Ma a che punto è la raccolta firme? Ecco la risposta di Pamela Persenico, una delle fondatrici del gruppo:

«Prima di darvi notizie ufficiali sui numeri ci teniamo a fare alcuni ringraziamenti: il primo grazie va Silvia Gaspani (con i super auguri per la nascita di Anna) che ha reso noto quanto stava accadendo, dando il via a tutto questo "movimento", un altro grosso grazie va a Katia Pinna (auguri per l'arrivo della tua piccola a settembre) Silvia Nesossi (benvenuta Martina) la nostre fantastiche segretarie, Laura Gaspani la nostra efficientissima consulente, a cui ci siamo rivolte per ogni nostro dubbio legale, grazie alle amministrazioni comunali per l'aiuto e il sostegno dimostratoci, grazie a tutti i 70 esercizi pubblici che si sono resi disponibili per aiutarci con la raccolta, a tutte le persone che ci hanno fatto da tramite per ricerca, trasporto e recupero firme e a tutti i più di 4000 cittadini che hanno messo la loro firma per questa giusta causa!»

Ed ora qualche notizia più "tecnica". 

«Aspettando la deroga per il nostro nosocomio sulla legge Lorenzin riguardante i punti nascita con meno di 500 parti l'anno, pare che la nostra ASST, al posto che cercare di migliorare i servizi affinché questa deroga venga appunto concessa, sembra quasi che voglia "peggiorare" la situazione!

Infatti, da qualche tempo a questa parte, ci troviamo con un organico ridotto, senza un primario stabile (il primario di Sondrio, allo stato attuale, è da noi solamente un giorno alla settimana per ambulatori) e con l'impossibilità, a causa delle direttive aziendali, di effettuare parti cesarei programmati e parti indotti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiavenna, reparto maternità: il punto sulla raccolta firme

LeccoToday è in caricamento