menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiavenna, riqualificazione Pratogiano: il Comune risponde

Qual è l'obiettivo dell'intervento? È vero che verranno tagliate le piante secolari?

La scelta dell’Amministrazione Comunale di Chiavenna di aprire una progettazione partecipata aveva l’obiettivo di suscitare un dibattito ed un coinvolgimento diretto dei cittadini e così è stato. In pochi giorni, soprattutto sui social, numerosissimi sono stati gli interventi dei cittadini, che hanno portato loro tesi e dubbi agli occhi dell'amministrazione.

Il Comune ha deciso dunque di rispondere alle domande più frequenti.

Qual è l'obiettivo dell'intervento su Pratogiano? L'obiettivo é quello di restituire il Parco nel modo più naturale possibile, più simile alle sue origini come cuore verde della nostra città. Negli anni purtroppo cemento, muretti e asfalto hanno snaturato questo angolo così particolare. La volontà é quindi quella di provare a ridurre il più possibile gli effetti di queste scelte contro la bellezza del luogo.

Perché investire soldi su Pratogiano e non su altri ambiti? Le risorse a disposizione sono vincolate a progetti di "riqualificazione del centro storico di Chiavenna" ed in continuità con i progetti già realizzati con la stessa fonte di finanziamento. In particolare con il completamento del progetto di riqualificazione dell'area stazione fs. Infatti, tra gli alti interventi previsti vi è il completo rifacimento del parcheggio oggi sterrato dietro la stazione con la sistemazione di più di 100 posti auto, oltre al rifacimento della pavimentazione di Via Pratogiano e la realizzazione di un passaggio pedonale protetto e dosso dissuasore di velocità. L’iniziativa consentirà, utilizzando le economie derivanti dalla gara di appalto, di realizzare il primo parco inclusivo che nasce con il sostegno e la condivisione dell’Associazione “Il Mondo che Vorrei”.

É vero che l'amministrazione vuole tagliare le piante secolari di Pratogiano? NO! non è vero! Il progetto prevede un nuovo aggiornamento da parte di un tecnico specializzato dello studio sullo stato di salute delle piante. La volontà é quella di fare ogni azione possibile per non tagliare alcuna

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento