Nel Lecchese scatta l'allerta arancione per vento forte, rossa per rischio incendi

Dalla notte fra domenica e lunedì, sino a martedì, attese raffiche fino a 90 km/h. I consigli della Protezione civile. Da metà settimana, finalmente, in arrivo pioggia e neve

È durata poche ore la tregua dal vento. Da domani, lunedì 14 gennaio, forti raffiche torneranno a spazzare il nostro territorio: la Protezione civile della Regione Lombardia ha messo in preallarme tutte le squadre di volontari e dell'antincendio, raccomandando la massima attenzione.

Sono due le allerte attive sul nostro territorio. La più recente riguarda il rischio vento forte: un bollettino di colore arancione ("criticità moderata") è stato emesso con validità tra la mezzanotte di lunedì 14 gennaio e la mezzanotte di martedì 15, con successivo passaggio a codice giallo sino alle 12 di martedì.

La seconda allerta riguarda il pericolo di incendi. La Sala operativa della Protezione civile della Regione ha emesso anche per il Lario un avviso di elevata criticità (codice rosso) per rischio incendio boschivo, dalle ore 18 di oggi, domenica 13 gennaio, fino alle ore 18 di martedì 15 gennaio, con successivo passaggio a codice arancione.

La sintesi meteorologica

A partire dal pomeriggio-sera di domenica 13 gennaio prevista una graduale intensificazione del vento in montagna, in particolar modo sui settori di Nordovest; in serata locali rinforzi del vento anche sulla Pianura. Fin dalle prime ore di domani 14 gennaio, vento in rinforzo fino a forte in montagna, specie oltre i 600/800 metri; dal primo mattino anche sulla Pianura in particolar modo sui settori occidentali. Dalla sera di domani 14 gennaio tendenza a graduale attenuazione, dapprima sulla Pianura, più tardi anche in montagna. Su gran parte della regione, ma in particolar modo sui settori occidentali, saranno possibili raffiche fino a 50/70 km/h, localmente anche superiori, fino a 90 km/h in montagna e sui siti maggiormente esposti al vento da Nord.

Incendi: a Valbrona in fumo 15 ettari di bosco

Le previsioni per la settimana

Dopo un periodo di stabilità dovuta al persistere dell'alta pressione, il clima è destinato a cambiare nei prossimi giorni. Da metà settimana infatti una perturbazione raggiungerà il nostro territorio portando nuvole e piogge, con abbassamento delle temperature e possibili nevicate a quote non elevate per il weekend.

Incendi: i consigli utili per i cittadini

Stante il periodo di alto rischio incendio boschivo, vige il divieto assoluto di accendere fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiore a cento metri, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori, fornelli o inceneritori che producano braci o faville, gettare mozziconi accesi al suolo e compiere ogni operazione che possa creare pericolo di incendio. Scattano pertanto, per i trasgressori, le sanzioni previste dalla legge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Sala operativa della Regione Lombardia chiede di segnalare con tempestività eventuali criticità che dovessero presentarsi sul proprio territorio, telefonando al numero verde della Sala di Protezione Civile regionale 800.061.160 o via mail agli indirizzi cfmr@protezionecivile.regione.lombardia.it o salaoperativa@protezionecivile.regione.lombardia.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Margno: l'autopsia conferma la prima ipotesi, i gemelli sono stati strangolati

  • Mandello: caos ai Giardini, il sindaco chiude la zona a lago

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

Torna su
LeccoToday è in caricamento