Nuovi sversamenti nel lago, De Capitani: «Intervengano gli enti preposti o andrò in Procura»

Il sindaco di Pescate lancia una sorta di "ultimatum" a Lario Reti Holding e Arpa, già contattate alcune settimane fa, chiedendo «controlli sul lago alla ricerca di chi scarica abusivamente»

«Adesso basta». Il sindaco di Pescate Dante De Capitani alza il livello della sua battaglia contro gli sversamenti nel lago, alla ricerca dei responsabili.

Il primo cittadino ha fatto di questo argomento uno dei suoi cavalli di battaglia. Qualche settimana fa aveva già segnalato presunti sversamenti di fognature nelle acque del lago di Garlate dalle sponde lecchesi, chiedendo lumi a Lario Reti Holding e Arpa, ma ricevendone in cambio, a suo dire, risposte incompatibili.

«Sversamento fognature nel lago, risposte convincenti o provvedimenti pesanti»

Gli sversamenti, come testimoniano le foto diffuse dallo stesso De Capitani, sono proseguiti anche a distanza di settimane. Il sindaco lancia così una sorta di "ultimatum". «Continuano gli sversamenti nel lago di Garlate provenienti dal centro lago - spiega - O intervengono gli enti preposti all'ambiente e monitorano il lago alla ricerca di chi scarica abusivamente, oppure scrivo in Procura».

Il primo cittadino, sull'argomento, mantiene una linea dura come accaduto anche nella recente vicenda delle murature degli scarichi abusivi a Pescate, che ha portato diversi cittadini a provvedere all'allacciamento alla rete fognaria pubblica. La risposta, ora, agli enti preposti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Nuovo digitale terreste 2020: cosa cambia per gli utenti

Torna su
LeccoToday è in caricamento