L'allerta per incendi boschivi diventa arancione: l'inizio del 2019 fa paura

Il clima secco e i venti in aumento favoriscono lo sviluppo e la propagazione dei roghi. Squadre antincendio in preallarme in tutto il territorio lecchese

(Foto di repertorio)

Nuova allerta della Protezione civile di Regione Lombardia per quanto concerne il rischio incendi. Un bollettino di colore arancione (rischio moderato) è stato diramato nella giornata di oggi, lunedì 31 dicembre, a mezzogiorno; l'allerta è valida sino a prossimo aggiornamento.

Incendio in Altolago, bruciano i boschi di Sorico

Le condizioni meteo attuali, con clima stabile, assenza di pioggia e venti moderati, favoriscono infatti lo sviluppo e la propagazione di incendi boschivi nella nostra zona prealpina, come verificatosi purtroppo domenica sull'Altolario e in Valsassina. Tutte le squadre di antincendio del territorio sono state messe in preallarme. 

La sintesi meteorologica

I rinforzi di vento dal quadrante settentrionale previsti per le giornate del 30 e 31 dicembre hanno causato un aumento del disseccamento e un conseguente aumento del rischio incendi boschivi.

Nella seconda parte della giornata del 1° gennaio, a partire dal pomeriggio, intensificazione del vento dal quadrante settentrionale, a interessare dapprima i rilievi alpini più settentrionali, quindi tra tardo pomeriggio e sera anche la fascia prealpina, più marcatamente quella occidentale, in particolare a quote superiori ai 500 metri, con graduale disseccamento nelle zone interessate. Grado di pericolo in aumento a partire dalla seconda parte della giornata.

Danni da vento forte: cinquanta interventi dei Vigili del fuoco

Si segnalano pertanto condizioni favorevoli allo sviluppo e alla propagazione di incendi boschivi, in particolare sui settori alpini, prealpini e appenninici. Per mercoledì 2 gennaio, grado di pericolo in aumento in concomitanza con un deciso aumento dell'intensità dei venti diffusamente sulla regione.

Temperature in calo dal 2 gennaio

Per quanto riguarda le temperature, dal 2 gennaio è prevista l'irruzione di una corrente artica sull'Italia, che abbasserà sensibilmente la colonnina di mercurio, riportando a valori tipicamente invernali con minime sotto zero e massime intorno ai 5-6° C. Al momento non sono previste precipitazioni per la prima metà di gennaio 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga fa felici due lecchesi: due Mini in regalo, i numeri vincenti

  • La terra trema: in serata terremoto rilevato nel territorio di Ello

  • Individuato l'uomo che punta i pedoni con l'auto come in un "folle gioco"

  • Barzio: tragedia sullo Zucco Angelone, arrampicatore cade durante la scalata e perde la vita

  • Bollo auto: ecco cosa cambia nel 2020

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

Torna su
LeccoToday è in caricamento