Ryanair torna a volare dal primo luglio

La compagnia irlandese ha intenzione di tornare a volare a partire dal 1 luglio 2020, con obbligo di mascherine a bordo

La "Fase 2" dell'emergenza permetterà alle compagnie aeree di poter riattivare, seppur parzialmente, la propria attività. Ryanair ha annunciato che riprenderà a volare a partire dal Primo luglio, sia in Italia che in Europa, anche se per farlo ufficialmente sarà necessario un nuovo DPCM sugli spostamenti che non li limiti a quelli all'interno della stessa Regione. 

L’intenzione della compagnia è di ripristinare il 60% dei voli tra agosto e settembre, ed arrivare alla prossima stagione estiva ad una percentuale dell'80%.

A causa delle restrizioni imposte a metà marzo per via del Covid-19, infatti, Ryanair ha ridotto drasticamente il numero di voli: ne sono rimasti solamente 30 a collegare Irlanda, Regno Unito ed Europa. Da luglio, invece, ricomincerà a volare dalla maggior parte delle 80 basi in cui opera in Europa. 

Come si volerà sugli aerei Ryanair

Volare non sarà più così semplice come prima. I passeggeri a bordo dovranno indossare la mascherina e prima di salire gli verrà misurata la temperatura corporea (presumibilmente all'ingresso in aeroporto). Il numero di bagagli registrati verrà ridotto, check-in online, il download della carta di imbarco sullo smartphone e l’utilizzo di mascherine o di altre coperture facciali in ogni momento del viaggio, sia nel terminal sia a bordo dell’aeromobile. A bordo degli aeromobili, anche l’equipaggio indosserà mascherine o altri tipi di coperture facciali; saranno proibite le file per le toilette e vi si potrà accedere individualmente e solo su richiesta. 

Per quanto riguarda il distanziamento sociale, non ci sarà alcuna norma di distanziamento a bordo, ossia il sedile centrale non verrà tenuto vuoto. Una decisione che però contrasta, al momento, con quanto previsto dal Governo italiano in materia di distanziamento sociale, previsto anche a bordo degli aerei. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le motivazioni di questa decisione sono state rese note dall'amministratore delegato della compagnia David O'Brien: "Non è possibile tenere distanti le persone di 2 metri, anche bloccando il posto centrale della fila tra una persona e l'altra ci sono 45 cm". ​

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate in arrivo, come allontanare le formiche da casa utilizzando rimedi naturali

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Nubifragio nel Lecchese: allagata la strada provinciale a Garlate

Torna su
LeccoToday è in caricamento