Economia

Ricchezza e auto di lusso, Lecco una delle province più sobrie

La presenza di auto di lusso nella provincia lariana sembra coincidere con il reddito sei suoi abitanti, ma non è così in tutto il Paese

I "macchinoni" a Lecco? Li compra solo chi se li può permettere. O almeno questo è il dato che emerge da un'indagine svolta dal quotidiano La stampa, che ha messo a confronto il reddito medio degli italiani, regione per regione, con le immatricolazioni delle automobili sopra i 2mila cc di cilindrata, considerate come bene di lusso.

La provincia di Lecco risulta essere una delle più sobrie d'Italia: con un reddito medio pro capite di 22.104 euro, infatti, il numero di bolidi e berline di lusso è pari al 7,75% delle auto immatricolate sul territorio (dati Aci). In una delle province con il reddito più altro del Paese, infatti, il numero di auto di lusso risulta del tutto commisurato alla ricchezza.

Non avviene lo stesso in tutte le province del Paese: già a Sondrio, che ha un reddito medio di un terzo inferiore rispetto alla capitale economica d'Italia, Milano, le auto di lusso superano di netto quelle presenti nella provincia meneghina (9,24% rispetto all'8,72%), mentre a Isernia risultano esserci più automobili Jaguar, 133, che contribuenti dal reddito superiore ai 120mila euro (che, riporta La stampa, sono 125).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricchezza e auto di lusso, Lecco una delle province più sobrie

LeccoToday è in caricamento